giovedì, Marzo 4, 2021

Noi siamo infinito di Stephen Chbosky

La vita si divide in due parti. La prima frazione corrisponde pressappoco alla fase in cui siamo fermamente convinti che una serie di esperienze meravigliose prima o poi ci capiteranno (ci devono capitare, in fondo lo pretendiamo). L’amicizia perfetta, il dialogo perfetto, l’incontro perfetto. Un frammento di sintonia piena con il mondo. Nella seconda, diamo una sostanziale ritoccata alle nostre aspirazioni. Forse l’attimo è già passato e non ce ne siamo accorti, o forse semplicemente prendiamo atto che l’esistenza è molto più complicata e nevrotica, e anche il nostro giorno migliore avrà qualche screziatura di troppo. La soglia fra le due trascorre in modo impercettibile, ma è impossibile opporsi. Ci troviamo al di là di una barriera invisibile e capiamo che è impossibile tornare indietro. Noi siamo infinito parla a entrambe le fasi. Ed è efficace, funziona. È una collezione di attimi perfetti (chiamatele scene madri) dal gusto un po’ retrò, che mescola letteratura evergreen (Il buio oltre la siepe, Il giovane Holden, aneddoti su Dickens), musica cult (David Bowie, Sonic Youth, The Smiths), luci morbide e un pizzico di sano ribellismo. Carburante per i sogni degli adolescenti (“prima o poi queste emozioni investiranno anche me”) e malinconica tenerezza per chi è già oltre la linea d’ombra (un sospiro). Stephen Chbosky  – scrittore, regista, e sceneggiatore – adatta il suo romanzo (uscito nel 1999, inevitabilmente un best seller), The Perks of Being a Wallflower (Ragazzo da parete) e sembra sapere bene dove andare a parare. 1991. L’emotivo e sensibile Charlie Kelmeckis ha sedici anni, legge molto, parla poco e nasconde qualche trauma. Non ha amici, ma scrive lettere. Il primo giorno di liceo si risolve in un incubo chiassoso e nell’auspicio che gli oltre mille giorni che lo separano dal diploma passino alla velocità della luce. L’ansiosa monotonia si interrompe improvvisamente quando Charlie incontra Sam, Patrick e la loro corte di amici stralunati. Un anno di scuola che si trasforma in un vortice di sensazione di scoperte: il primo amore, le risse, l’amicizia, la musica, il Rocky Horror Picture Show, i vinili e le musicassette con le dediche. Il suggello è un viaggio nella notte metropolitana, con Sam che si alza in piedi sul pick-up e diventa un angelo. “We Can Be Heroes, Just For One Day”, canta David Bowie dalla radio a tutto volume. Gli adulti stanno a guardare, non sempre capiscono, ma a volte danno qualche buon consiglio (Paul Rudd, l’insegnante perfetto). Mentre il sorriso empatico dello spettatore accompagna l’intera visione (almeno fino alla rivelazione finale, con l’incubo allucinatorio di Charlie e la scoperta di un truce segreto), sarebbe fin troppo facile dire che un film che fa leva su queste corde pecca di furbizia. Azzeccato il terzetto di attori principali (il fascino ferito di Emma Watson, lo sguardo spaesato e intelligente di Logan Lerman, la carica di Ezra Miller), Noi siamo infinito procede come un collage di sensazioni e umori altalenanti che riproducono un microcosmo variegato e in continua mutazione. Come i suoi protagonisti adolescenti, anche il film è in costruzione. Privo di una solida struttura, spinge l’acceleratore su emozioni che si riproducono senza soluzione di continuità (ansia-amore-paura-solitudine), immergendoci direttamente nel mondo imperfetto di Charlie e dei suoi nuovi amici («Welcome to the island of misfit toys», sussurra Sam a Charlie, e forse un po’ anche a noi). Sensibile, malinconico, esistenziale, appassionato? Senz’altro. E, come direbbe qualcuno, “Whatever works”.

Sofia Bonicalzi
Sofia Bonicalzi è nata a Milano nel 1987. Laureatasi in filosofia nel 2009 è da sempre grande appassionata di cinema e di letteratura. Dal 2010, in seguito alla partecipazione a workshop e seminari, collabora con alcune testate on line.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

ValdarnoCinema, Paolo Minuto è il nuovo direttore

Paolo Minuto è stato nominato Direttore Artistico della 39° edizione di ValdarnoCinema Film Festival storico evento dedicato al cinema indipendente che si tiene da 39 anni nella città di San Giovanni Valdarno (Ar).

My French Film Festival, grande successo con 13 milioni di views

Lo splendido Adolescentes di Sébastien Lifshitz vince il My French Film Festival. Grande successo per l'inziativa Unifrance con più di tredicimila visualizzazioni

Bruno Bozzetto, la rassegna online della Cineteca di Milano

Preziosa collaborazione tra la Bozzetto film e la Cineteca di Milano. Da domani fino al 24 di Febbraio, una rassegna del cinema d'animazione del grande Bruno Bozzetto. Tre lungometraggi, alcuni corti e un rarissimo documentario del 1961.

ECONTENT AWARD 2015