venerdì, Dicembre 4, 2020

Viennale 2011 – Dragonslayer di Tristan Patterson (Usa, 2011)

“Non c’era assolutamente niente che mi desse la sicurezza che il mio progetto funzionasse, ed era esattamente questo che mi rendeva entusiasta” (Tristan Patterson)

Da questa edizione della Viennale un dato emerge forte e chiaro: il cinema di finzione forse no, ma il documentario gode di ottima salute. L’evoluzione delle tecnologie digitali, unita ad una minor spesa ed alla necessità di meno capitale umano ed economico, sta sempre più spingendo giovani e non giovani filmmaker di tutto il mondo a prendere la videocamera e andare. C’è un certo fervore creativo, dove spesso – e questo è forse il lato negativo della medaglia – il fervore diventa cieco, mero sfogo: l’artista filma essenzialmente perché gli va, se piace al pubblico si vedrà. Un approccio un po’ indie e un po’ lomografico.
Dragonslayer è un documentario sulla vita di Josh “Skreech” Sandoval, skater americano, fumatore di ganja, padre e ragazzo in cerca di lavoro. L’approccio di Tristan Patterson, qui alla sua opera prima, è appunto molto indie e ancor di più lomografico: alla base del progetto, infatti, sta uno sdoppiamento di punti di vista, un mix di materiale prodotto da Patterson e di materiale prodotto dallo stesso Josh, che prende la videocamera e ci fa un po’ quello che gli pare. Il rapporto tra soggetto filmante e oggetto filmato cambia nella misura in cui il soggetto talvolta coincide, talvolta si discosta asetticamente dall’oggetto. La personalità depressa e alterata di Josh, quindi, entra direttamente nel linguaggio filmico, interferendo, facendosi film in maniera spontanea.
La prima scena mostra il protagonista che, dopo aver trovato una vecchia piscina abbandonata, la pulisce pazientemente e inizia a “skatearci” dentro, per poi essere cacciato da una vecchia signora che minaccia di chiamare le forze dell’ordine. Questo è Josh: passione, caparbietà, emarginazione. Punk nel senso più tradizionale del termine.
Dragonslayer analizza, più che un movimento, un ragazzo, in maniera purtroppo un po’ sconclusionata. Un lavoro a cui manca uno scheletro, che paga il prezzo del suo orgoglioso vagabondare.

Raffaele Pavoni
Raffaele Pavoni (Piombino - LI, 15/04/1987) si è laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo nel 2008, e ha ottenuto il diploma CESCOT di Tecnico Qualificato Documentarista nel 2009. Ha all'attivo documentari, cortometraggi, clip promozionali, collaborazioni con emittenti televisive e studi fotografici, partecipazioni a festival. Ha collaborato e collabora per varie testate web. Vive e lavora a Firenze.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015