martedì, Settembre 22, 2020

Rock en seine – 1 – Venerdi 27 Agosto

I festival rock e la pioggia: un’accoppiata ricorrente nella storia, un legame che appare indissolubile e capace di sovvertire qualunque statistica meteorologica, come se la fantozziana nuvoletta dell’impiegato abbia un suo corrispettivo musicale. Probabilmente l’unico evento che riesce ad evitare precipitazioni malandrine è il Festival Au Desert, in mezzo al Sahara, ma non ci giurerei. Fatto sta che il Rock En Seine inizia come poi finirà, cioè con un acquazzone improvviso, preannunciato solo da qualche soffio di vento leggermente più forte del normale. La conseguenza, per chi scrive, è la rinuncia ai concerti dei Minus The Bear e degli All Time Low, portatori di verbi completamente diversi ma entrambi poco attraenti. Per fortuna quando è il momento dei Band Of Horses le nuvole si diradano e un tiepido sole riesce a scaldare il pubblico, per il momento non troppo numeroso. La band capeggiata da Ben Bridwell sta promuovendo il nuovo disco, Infinite Arms, il più pop e pacificato della loro discografia finora. La differenza tra i nuovi brani e quelli degli album precedenti è evidente anche dal punto di vista live: le emozioni e il pathos di brani come The Great Salt Lake o No One’s Gonna Love You non si ritrovano infatti nelle canzoni datate 2010, a parte forse Laredo, con i suoi rimandi a Neil Young. Il concerto è comunque più che apprezzabile, perché la voce di Ben rimane sempre e comunque un valore aggiunto in ogni istante, fino al gran finale, che non può che essere The Funeral (scusate l’involontaria battuta), il primo grande momento del festival, ingiustamente relegato su un palco secondario (la Scène de la Cascade). L’ingiustizia appare ancora più grande perché in quel momento sul main stage (chiamato Grande Scène) c’è Kele col suo progetto solista. Il suo disco non è granché, il live lo segue a ruota: l’impressione è quella di assistere ad un revival delle peggiori discoteche degli anni ’90, con il cantante dei Bloc Party che sembra più un vocalist che altro, impegnato anche a distruggere in un solo medley tre delle migliori canzoni del suo gruppo, cioè Blue Light, The Prayer e One More Chance. Tutto questo tacendo sul singolo (una volta si sarebbe detto riempipista) Tenderoni, alquanto imbarazzante. Tutta questa electro di grana grossa mi carica di timori quando il concerto degli Skunk Anansie inizia con una versione drum’n’bass di Yes, It’s Fucking Political. Per fortuna il tutto dura circa due minuti, dopo i quali la band inglese torna alla normalità, cioè al suo rock anni ’90 senza infamia e senza lode, nobilitato dalla voce e dalla presenza scenica di Skin, capace da sola di tenere in scacco una folla sempre più numerosa ed eterogenea. Se solo avessero in scaletta qualche canzone decente in più oltre a Hedonism e a Twisted il concerto sarebbe più che buono (per esempio una Secretly o una She’s My Heroine avrebbero dato qualcosa in più), così ci si ferma a una sufficienza stiracchiata, tutta merito della cantante. Dopo una breve visita ai Kooks, con la conferma della pochezza degli inglesi, e una regale cena a base di patatine fritte (perfetto di mix di economicità e commestibilità) scocca l’ora dei grandissimi Cypress Hill. Le leggende del rap latino fanno un concerto vero e sentito, con la giusta dose di cattiveria, trascinando la folla come pochi altri nella tre giorni parigina; la loro musica e la loro bravura superano ogni barriera, di genere e di razza, conquistando praticamente tutti, compreso il sottoscritto, che con il latin rap non ha mai avuto particolari legami. Provate voi a non ondeggiare col braccio alzato durante Insane In The Brain… L’ottimo momento continua con i Black Rebel Motorcycle Club, che probabilmente fanno il miglior concerto della tre giorni, probabilmente spinti dalla rabbia e dal dolore per la morte di Michael Been, il padre di Robert. Siamo a un festival rock e loro, molto semplicemente, danno alla gente del rock. Per circa un’ora il trio di San Francisco non sbaglia una virgola, suonando con forza e precisione ed inanellando uno dietro l’altro tutti i migliori brani della loro carriera. Attaccano con Beat The Devil’s Tattoo, proseguono, tra le altre, con Love Burns, Stop e Ain’t No Easy Way (da quella perla sottovalutata che fu Howl), per poi passare a Berlin e Weapon Of Choice in attesa del finale, che va a ripescare i due singoloni che fecero gridare al miracolo nel 2001, quando uscì il primo disco. In effetti ancora oggi sentire Whatever Happened To My Rock’n’Roll (Punk Song) e Spread Your Love è un piacere assoluto, ancor più se suonati così bene, con Peter Hayes e Robert Levon Been in stato di grazia vocale e strumentale e la nuova batterista Leah Shapiro a picchiare come si deve. Dal meglio al peggio spesso il passo è breve: in questo caso sono i cinque minuti che separano la Scène de la Cascade, la casa dei BRMC, dalla Grande Scène, dove sono di scena gli headliner della prima serata, cioè i Blink-182. Davanti a un pubblico composto per lo più da 15enni e da 25-30enni nostalgici dei loro quindici anni il trio californiano azzecca poco o nulla. Non sono un fan della tecnica in tutto e per tutto, però se si va oltre il limite della decenza non riesco a stare in silenzio a subire: non è possibile che un gruppo che ha suonato assieme per anni si presenti sul palco e dia l’impressione che ognuno stia facendo una canzone diversa, con il batterista lanciato in funambolismi inutili per delle canzoni punk-rock e basso e chitarra che viaggiano su binari separati e diretti chissà dove, senza voce e con controcanti fuori tempo (qualunque esso fosse). L’unica cosa che può trattenermi davanti al palco è l’attesa di quelle due-tre canzoni legate a ricordi adolescenziali (The Rock Show, What’s My Age Again? e All The Small Things, per la cronaca) . Una volta passate quelle mi sento libero di andarmene, anche perché sveglio dalle 4.30 del mattino.

Fabio Pozzi
Fabio Pozzi
Fabio Pozzi, classe 1984, sopravvive alla Brianza velenosa rifugiandosi nella musica. Già che c'è inizia pure a scrivere di concerti e dischi, dapprima in solitaria nella blogosfera, poi approdando a Indie-Eye e su un paio di altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Il video più bello del 2018 è del 1991

Nella temporalità orizzontale della rete senza più Storia, un video di quasi trent'anni fa si affianca agli elenchi di capodanno, già morti dal momento in cui vorrebbero stabilire un punto fermo, circoscritto da una cornice. Dal 1991, il video piú bello del 2018 ci chiede di ripensare ruoli e posizioni. The Answer, lo splendido brano di Garland Jeffreys e il bellissimo video di Kevin Godley. Buon anno.

Adanowsky – Would you be mine: il video di Adan Jodorowsky

Adan Jodorowsky, qui come Adanowsky, si autodirige nel videoclip di Would you be mine, inanellando un campionario di visioni soft core e blasfeme, optical e patinatissime

Scott Cudmore, l’arte del videoclip: l’intervista esclusiva

Scott Cudmore è uno dei più importanti registi di videoclip viventi. Ci è sufficiente citare "Queen of hearts" per i Fucked Up, "Lariat" per Stephen Malkmus, "Hot Dreams" per Timber Timbre, "Century" per Feist fino alle recenti collaborazioni con N.E.R.D. e Selena Gomez immersa in una fantasia godardiana. Dal 2007 combina in modo creativo linguaggi, formati e confini dello stesso video musicale. Lo abbiamo intervistato per una lunga conversazione sulla sua carriera dal 2007 fino ad oggi.

Liars – Staring At Zero, il video disturbante di Clemens Habicht

Clemens Habicht dirige il nuovo disturbante video per i Liars: Staring At Zero

Fenne Lily: isolamento e introspezione nei videoclip per Breach

"Alapathy", "Berlin", "Solipsism". I tre singoli e i tre video che hanno anticipato l'uscita di "Breach" il nuovo album di Fenne Lily uscito per Dead Oceans. Ve ne parliamo attraverso le clip di Benjamin Brook, Henry Dunbar, Tom Clover

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015