mercoledì, Novembre 25, 2020
Home RECensioni

RECensioni

MoRkObOt – GoRgO: la recensione

GoRgO, come il mostro inventato dalla fantasia di Eugène Lourié, convoglia tutta l'energia elettrica di numerose esperienze estreme in termini musicali. La lotta è quella ormai antica tra organico e inorganico, dove il limite di una materia altrimenti abusata, viene superato da questo formidabile power trio due bassi e batteria. Potentissimi e senza compromessi: MoRkObOt

Magpie Billy & the Egg that Yolked (A Study of the Northern Ape in Love) – la recensione

Eccentronic Research Council pubblica il nuovo album di Magpie Billy & the Egg that Yolked

Star Rovers, il blues minimal degli Alice Tambourine Lover

Star Rovers nuovo disco per Alice Tambourine Lovers

The Singers – CoseComuni

Secondo album per i romani The Singers

GRMLN, il pop punk californiano di Yoodoo Park

I GRMLN del ventenne Yoodoo Park sono un toccasana per l'estate, ascoltare per credere

Jan Roth: tra luce e oscurità

Jan Roth è un tessitore di poesie. Lavora alla sua tela stando seduto davanti a un pianoforte. Il giovane musicista tedesco, già batterista nella formazione live allargata degli Hundreds, affiora con un album solista dall'intreccio prezioso e delicato

Death SS – Resurrection

I Death SS tornano in piena forma, pronti ad andare in tour per promuovere la nuova resurrezione

Andrea Carboni – Due []

Pisano di nascita ma ginevrino di stanza, Andrea Carboni presenta Due []

No Joy – Wait To Pleasure

Le No Joy, rispetto al precedente lavoro, rimangono fedeli a loro stesse, ma sanno andare saggiamente e piacevolmente oltre

Barranco – Ruvidi, vivi & macellati

Barranco abbracciano in egual misura ora la musica popolare ora il corale quasi madrigalistico, tentando anche la carta combattente

Marvin – Barry

Nel nuovo album dei Marvin, l'immaginario dei tre francesi è ancora riempito da Space Invaders, Guerre Stellari, Star Trek

Fetish Calaveras – Avanspettacolo

Non completamente rockabilly, non del tutto swing, l'album dei Fetish Calaveras sta sotto il nome di swingabilly

videoclip news

Becky Hill – Space: il video sull’isolamento diretto da Carly Cussen

Space, prima ancora di un'elegia visuale sul distanziamento sociale è anche una piccola metanarrazione sulle condizioni di un set, ridotto a scheletro vuoto, teatro sfondato senza più la capacità di riempire di senso corpi e spazio con la forza unificatrice del green screen. La distanza ci rende più "reali"?

Millie Turner – Eye Of The Storm: il videoclip di Hannah Berry George

Il corpo è un sensore ancora attivo nell'era della smaterializzazione. Anche se ricombinato in uno spazio digitale, non vuole morire. Il video di Hannah Berry George per Millie Turner: Eye Of The Storm

TV Priest – Decoration: il videoclip di Joe Wheatley

I TV Priest firmano con SUB POP e realizzano il secondo singolo dal loro imminente debutto, veicolandolo con un video diretto da Joe Wheatley

Kevin Godley – Expecting a Message: l’urlo, il corpo e il network

Kevin Godley torna con uno straordinario video che ancora una volta, come negli anni novanta, anticipa il nostro modo di vedere. Uno dei video più belli dell'anno