martedì, Gennaio 26, 2021

Musica Contro le Sbarre: Jail Time Records, un esempio virtuoso di “certezza del recupero”. Guarda “Lettere dal Fronte” #1

Sostieni Jail Time Records con una donazione su Gofundme: https://www.gofundme.com/f/jail-time-records-africa

“Musica Contro le Sbarre: Jail Time Records” L’intervista a Dione Roach / Lettere dal fronte #1

Jail Time Records, sito ufficiale

Contattaci per partecipare a “Lettere Dal Fronte. Storie di Cittadinanza attiva ► cs@indie-eye.it

Iscriviti al Canale Youtube ufficiale di Indie-eye ► http://bit.ly/youtube-indieeye-iscriviti

Jail Time Records è un’etichetta discografica non-profit, nata sulla scia di un progetto avviato nel 2018 all’interno del carcere di Douala, in Camerun. Dione Roach, pittrice, artista visuale, fotografa e videomaker è volontaria per uno dei programmi di reinserimento socio-professionale dei detenuti promosso da Coecam (partner camerunense dell’Ong Centro Orientamento Educativo).

Proprio grazie a questa esperienza ha sviluppato con tenacia e passione il primo studio di registrazione allestito all’interno di un carcere africano, seguendo gli scarsi precedenti internazionali. Da questo studio permanente, è nato un collettivo di musicisti e di produttori, costituito da carcerati ed ex detenuti che vivono e hanno vissuto all’interno di una delle prigioni più difficili e sovraffollate del Camerun.

Questo esempio virtuoso offre un punto di vista diametralmente opposto alla deriva legalitaria e punitiva che è diventata un preoccupante “stato dell’arte” anche in Italia, dove sovraffollamento, violazione dei diritti e abusi sono costanti degli istituti penitenziari, che hanno sostituito “la certezza del recupero” con la tortura.

A pochi giorni dalla pubblicazione del rapporto pubblicato dal Comitato del Consiglio d’Europa per la prevenzione della tortura (Cpt) che nuovamente punta il dito sulla vergognosa situazione delle nostre carceri, la testimonianza di Dione Roach da un paese “così lontano, così vicino”, diventa stimolo creativo e politico importante.

L’arte e la musica, come ci ha raccontato Dione, si rivela come il miglior catalizzatore di energie, proprio quelle che una società restrittiva non riconosce più come “socialmente accettabili” e funzionali.

I videoclip pubblicati da Jail Time Records e realizzati da Dione Roach all’interno del carcere di Douala sono per il momento due:

Fils Du Terre Terre di Stone Larabik

Merci di La Meute des penseurs

Entrambi i video, Diretti da Dione Roach, sono stati gentilmente concessi dall’artista apolide italiana come immagini aggiuntive per questo episodio di “Lettere Dal Fronte”.

L’intervista a Dione Roach è stata filmata all’interno di LoudLift, il progetto di Matteo Gioli collocato all’interno della Manifattura Tabacchi (B9), Firenze.

“Lettere dal Fronte. Storie di Cittadinanza attiva” è un format esclusivo di Indie-eye, ideato, scritto e realizzato da Michele Faggi

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Glenn Branca muore all’età di 69 anni: un videoricordo

Uno dei più grandi sperimentatori è morto all'età di 69 anni. La musica di Glenn Branca ha influenzato numerose band, a partire dai Sonic Youth fino a Noveller ed è rimasta fieramente legata ad un contesto di profonda ricerca e sperimentazione. Un videoricordo

Lucio Battisti – Don Giovanni e il videoclip de “le cose che pensano”: il trentennale

"Don Giovanni" il primo dei cinque dischi a inaugurare il sodalizio tra Lucio Battisti e Pasquale Panella, compie esattamente trent'anni. Insieme all'album a festeggiare il trentennale anche il videoclip de "Le cose che pensano" prodotto nel 1986 da Vincenzo Mollica

Caracas – E la luna bussò: il videoclip di Pierfrancesco Bigazzi in anteprima su Indie-eye

Caacas. reggae'n'oud - cosmopolitismo degli strumenti e delle musiche, dal deserto Tuareg alla Turchia sufi, dalle Hawaii al Sudamerica, al dub londinese. Lo straordinario combo di Valerio Corzani e Stefano saletti con un nuovo singolo tratto dal recente "Ghost Tracks" pubblicato da Materiali Sonori. Insieme al brano il videoclip dell'ottimo Pierfrancesco Bigazzi che dirige un'elegia solare e suburbana, come nel suo stile. Il video in anteprima lancio su indie-eye e l'intervista esclusiva a Bigazzi

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

ECONTENT AWARD 2015