martedì, Settembre 22, 2020

Eterea Post Bong Band – BIOS

Dei veneti Eterea Post Bong Band si può dire tutto, ma è inevitabile non rimanere scioccati, colpiti, scossi (nelle orecchie o nell’animo) dalla loro musica. Si possono cogliere tutte le citazioni presenti di ogni traccia (o, più semplicemente, comprare il disco e vedere i credits del libretto), come pure si può capire un emerito cavolo di tutto ciò che stanno suonando. Proprio il cavolo, romano in questo caso, che troneggia in copertina, uscendo da spirali gigeriane, vuol simboleggiare la natura matematica di tutta l’opera, ispirata alla sequenza di Fibonacci. Il titolo BIOS però è da legare ad un altro aspetto del gruppo: il precedente lavoro si incentrava sui software, Internet e tutta la montagna di conseguenze sociali e umane della psicopatia della rete, mentre adesso la ricerca entra nel Bios, l’insieme di azioni standard che dà l’avvio a tutti quei magici programmi di cui oggi siamo schiavi.

La sempre completa enciclopedia online ci informa di come gli esperimenti musicali sulla famigerata successione di numeri siano già stati prodotti anche da nomi eccelsi (da Debussy a Stockhausen fino ai Tool), ma nel disco degli Eterea l’intenzionalità si fonde con la natura percussiva della formazione. Immagino già gli spartiti delle basi ritmiche che costituiscono homo siemens, per non parlare della colonna vertebrale del disco, fibo, dedicata allo scienziato pisano. Da grandi fagocitatori di musica, i quattro capiscono che un disco di otto tracce che esce dopo quattro anni dal predecessore non può che contenere tracce corpose, dei punti fissi per i nuovi concerti dal vivo, la struttura di una nuova fase per la band. Ed è incredibile come questi pezzi siano recepibili anche dal pubblico meno avvezzo alla sperimentazione. The rise of ramanujan e scipstep in fin dei conti proseguono su 4/4 standard, seppur su sovrastrutture magniloquenti, orientaleggianti (mentre nel precedente Epyks 1.0 si era più legati ai maestri della musica per il cinema come Morricone o Carpenter). I crescendo rendono quasi digeribile anche la già citata fibo, i fischietti fanno sbarcare tim peaks su dimensioni completamente aliene. Mentina era già presente nel primo Ep del gruppo, ma a parte l’irreperibilità del prodotto, si sente che il tema della superiorità della macchina e della natura rispetto all’uomo è propria di questo disco (per non parlare dei compagni di scorribande Uochi Toki). In conclusione, come per un videogame complesso, potete scegliere se tirare dritto verso la fine del disco oppure mettervi ad analizzare ogni singolo cimelio nascosto nel sottotesto di queste otto canzoni. L’unico aiuto che posso darvi è di tenere a mente questi numeri: 1 2 3 5 8 13 21 34 55 89 144 233 377 610…

Elia Billero
Elia Billero
Elia Billero vive vicino Pisa, è laureato in Scienze Politiche (indirizzo Comunicazione Media e Giornalismo), scrive di dischi e concerti per Indie-eye e gestisce altri siti.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Carl Brave, ft. Francesca Michielin e Fabri Fibra: il videoclip d’animazione di Dan & Dav

I geniali Daniele e Davide Ratti "back in action", con un videclip d'animazione realizzato per il singolo di Carl Brave condiviso con Francesca Michielin e Fabri Fibra. La recensione di "Fotografia".

Dumbo Gets Mad – Andromedian Girl: il nuovo video

"Andromedian Girl" nuovo videoclip per Dumbo Gets Mad

Richard Phillips, un corto su Sasha Gray con la musica di Chelsea Wolfe

Il video con Sasha Grey realizzato da Richard Phillips con la musica di Chelsea Wolfe

p:Machinery – I Propaganda e la videoarte di Zbigniew Rybczyński

I Propaganda e Zbigniew Rybczyński.

Davids – Iranians: il video di Karl DiPelino e David Dunham

Iranians è il nuovo video dei DAVIDS

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015