Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Primo Ep per i trentini Usual, pubblicato da PrimalBox. Un viaggio lisergico e di derivazione britannica davvero convincente 

Di

Britannici nello spirito fino al midollo, gli Usual debuttano con questo primo ep il prossimo 15 marzo 2017 per la PrimalBox e già possono contare su un bel concerto di presentazione al Magnolia di Milano come opening act per il Management del dolore post operatorio.

Quartetto trentino attivo sin dal 2015, incide il primo ep grazie al supporto di Fabrizio San Pietro e Jonathan Bonvini, fondatori della PrimalBox. Luogo di gestazione dei brani è il Crono Sound Factory, studio fondato dallo stesso Bonvini.

Nel risultato finale è fondamentale l’apporto di Joao Ceser, che oltre ad essere docente di sintesi del suono presso la milanese Naba, ha curato per gli Usual tutte le parti elettroniche dell’Ep.

Se ad un primo ascolto le influenze brit sembrano prevalere (la title track e la successiva Down The Road Of My Heart) con Dog arrivano le prime sorprese; cinque minuti di trip lisergico dominato dalle percussioni tra Can, Jane’s addiction e Primal Scream, davvero convincente. A saldare il tutto un utilizzo non convenzionale dei cori, che già si affacciano potenti in Down The Road of my heart, a conferma del notevole lavoro di produzione sonora dell’intero ep.
Chiude il lavoro Blueberry and Wine, traccia etilica e deragliante, di tutto il lotto quella più in linea con le produzioni di Alan McGee.

Usual
Just Feel Alright

PrimalBox, 2017 | pop, psych
CREDITS:

Just feel alright | Down the road of my heart | Dog | Bluebery and wine

 

Bruno Martini

Bruno Martini

Bruno: una laurea in scienze politiche, musica italiana tra gli ascolti principali, e un amore viscerale per tutte le british invasion