lunedì, Settembre 21, 2020

Hereditary, la colonna sonora originale di Colin Stetson

Nelle recensioni italiane dedicate ad Hereditary, il chiaccherato debutto di Ari Aster, non si accenna minimamente alle musiche originali, scritte per il film da Colin Stetson, il sassofonista di Ann Arbor che ha fatto della sperimentazione timbrica uno degli elementi principali del suo comporre, una via di mezzo tra scrittura e performance, dove la vocalizzazione incontra le tecniche di respirazione tipiche dello strumento, per costruire un’inedita e sorprendente architettura modale. La musica del musicista statunitense, nonostante il ricorso a strutture che rimandano al minimalismo “colto” è tutt’altro che una ruminazione cerebreale. Al contrario si tratta di un’esperienza fortemente fisica che intesse una relazione diretta con lo strumento, oggetto quasi antropomorfizzato dal quale Stetson estrae una vera e propria anima. Per altre vie vengono in mente Zappa, ma anche il bestiario zoomorfo di Adrian Belew, da Lone Rhino in poi.
Forte del suo lavoro con gli Arcade Fire, Stetson è potuto uscire dall’aura di culto in cui la sua etichetta, la canadese Constellation, l’aveva confinato. Il film di Aster non mitiga affatto le asperità e gli aspetti meno concilianti nella musica del nostro, tanto che la colonna sonora di Hereditary ci sembra uno dei lavori più riusciti e allo stesso tempo oscuri tra quelli realizzati da Stetson.
Nel rappresentare la perdita, l’abisso psichico e allucinatorio, la follia, Stetson si serve di elementi tipici della sua musica per ricreare una sinestesia aurale fatta di rumori tra organico e inorganico, che mimano i topoi di certa musica per il cinema, sostituendo il ruolo affidato agli archi per descrivere un crescente stato d’ansia.
Al confine con il rumore è una colonna sonora spiazzante, ma anche assorbita da esigenze funzionali, unico aspetto che potrebbe limitarne un godimento pieno, rispetto ai dischi solisti di Stetson. Rimane la vertigine e il disorientamento totale, rispetto ad una scelta che sostituisce una certa retorica dei suoni legati alla cinematografia horror, qui sostituiti da quella presenza animalesca e viscerale che caratterizza suoni e musica di questo straordinario musicista.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

A Taormina il Nations Award – Premio Cinematografico delle Nazioni

Nations Award - Premio Cinematografico delle Nazioni il 19 settembre a Taormina, tra i premiati: Jean Sorel e Abel Ferrara

Matera Film Festival 2020: la prima edizione dal 24 settembre

24, 25 e 26 Settembre, i tre giorni del Matera Film Festival 2020, prima edizione.

ECONTENT AWARD 2015