martedì, Settembre 29, 2020

Boyhood di Richard Linklater – Berlinale 64 – Concorso

Richard Linklater ha realizzato Boyhood con rigore, a partire dell’estate del 2002 fino all’ottobre del 2013, filmando  una volta all’anno i protagonisti di questa vicenda famigliare. Il film è la storia di Mason, figlio di una coppia divorziata interpretata da Ethan Hawke e Patricia Arquette, un racconto di formazione osservato dal regista americano durante quasi dodici anni di vita e con l’utilizzo degli stessi attori, nel tentativo di cogliere mutazioni intime, fisiche e anche storiche, ma sopratutto con l’intenzione di mettere insieme una sequenza di istanti senza marcature temporali evidenti se non quelle esplicitate dai cambiamenti del “visibile”.

In questo senso Boyhood rinuncia allo sviluppo narrativo, come succede in molti film di Linklater, cercando la verità al di là del racconto e nei piccoli eventi quotidiani.

Il suo cinema somiglia allora sempre di piu a quello spazio di congiunzione virtuale definito come puro luogo del possibile, non luoghi insomma, come il deserto nell’ultimo frammento di Boyhood, dove i personaggi possono intraprendere qualsiasi direzione o sospendere il tempo, in virtù del loro percorso identitario. La stessa deriva che caratterizza il movimento di Jesse Wallace e Celine lungo la trilogia a loro dedicata, incluso il sottovalutato Before Midnight, film completamente deambulatorio e allo stesso tempo di parola, ma dove il soliloquio (come in Waking Life o nell’adattamento da Dick di A Scanner Darkly) è un sistema ridondante e un labirinto di possibili sviluppi narrativi, che si nega e si disfa continuamente in un minuzioso e minimale gioco combinatorio, dove gli attori sono lasciati liberi di gestire le loro reazioni, il rapporto con gli altri e anche l’andamento del dialogo.

Che Linklater insegua un sogno quasi alla Jonas Mekas, nell’idea di “documentare” lo spazio famigliare come luogo “fisico” di sovrimpressione della memoria, è chiaro sin da It’s Impossible to Learn to Plow by Reading Books, il suo primo lungometraggio girato in super 8, viaggio diaristico attraverso gli Stati Uniti intrapreso per cogliere l’essenza di un paese attraverso incontri, personaggi ed eventi occasionali.
Ma quello che nella serie “Before…” si spalmava su tre blocchi temporali circoscritti, pur indagando una mutazione che era anche quella degli attori coinvolti, in Boyhood viene concentrato e letteramente sovrimpresso sul volto e sul corpo di Ellar Coltrane, vera e propria testimonianza in divenire, che si pianta sulla nostra memoria a breve termine  durante le due ore e mezza del film, in una relazione miracolosa tra cambiamento e piccoli grandi eventi quotidiani.

Linklater riesce a mantenere un’impressionante coerenza interiore in un cinema fatto sostanzialmente di gesti e piccoli istanti senza un climax, una doppia velocita costituita dal nostro sguardo che ripercorre questa contrazione di dodici anni ricostruendola secondo un processo di libera associazione, e  riflessa, per esempio, non solo su Mason ma anche  sul progressivo e dolente invecchiamento di Patricia Arquette, sottoposta ad un travaso di energia da madre a figlio, che a un certo punto diventa visibile proprio tra le  rughe e sul corpo dell’attrice.

Non si tratta semplicemente di un pedinamento, o del sogno Truffautiano di raccontare 20 anni di vita di Antoine Doinel, il processo qui sembra avvicinarsi al cinema sperimentale e famigliare di cui si parlava, non tanto per la scelta di formati, prassi e strumenti che in questo caso appartengono ad un cinema più tradizionale, ma per il risultato a cui si giunge, quello di un poderoso e allo stesso tempo, quotidiano sistema di relazioni, nomi, luoghi che emergono da un percorso frammentato ma ad un certo punto,  visibile in profondita.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015