giovedì, Ottobre 1, 2020

El Clan di Pablo Trapero in concorso a Venezia 72 – la conferenza stampa

Siamo nell’Argentina degli anni ottanta. Ai tempi della sanguinaria dittatura militare. Nel quartiere di San Isidro a Buenos Aires vive in una normale villetta famigliare la famiglia Puccio, un oscuro clan  dedito alle rapine e ai rapimenti. A comandare il patriarca Arquimedes, regista di tutte le azioni criminali della famiglia. In diverso modo è tutta la famiglia ad essere coinvolta, arricchita con i soldi ricavati dai riscatti dei rapiti e sicuri delle coperture di cui godono.  Pablo Trapero presenta a Venezia 72 il suo nuovo film, El Clan.

Perché raccontare questa storia ambientata negli anni 80?

“E’ una storia che mi ha colpito da quando avevo 14 anni. I crimini della famiglia Puccio sono usciti allo scoperto solo nel 1985 ma c’è voluto molto tempo per sapere cosa succedeva realmente in quella casa grazie alle coperture di cui godevano. Ho dovuto fare diverse ricerche e per pura coincidenza il film è venuto fuori in occasione dei 30 anni della scoperta di quei crimini”.

Fino a che punto la storia dei Puccio è una conseguenza indiretta della dittatura?

“Si tratta sicuramente di un sintomo e una conseguenza del clima dell’epoca e anche dopo il ritorno alla democrazia c’è voluto molto tempo per sapere la verità. C’erano molti casi oscuri che ruotavano attorno ai terribili anni della giunta militare”.

Come vive il successo di pubblico avuto in Argentina?

“Una delle grandi domande che ci ponevamo durante le riprese era quella sugli spettatori potenziali del film. Innanzitutto se una tematica del genere poteva interessare i giovani che spesso si dimostrano stanchi in relazione alle storie sui desaparecidos. Invece è stato l’esatto contrario, abbiamo conquistato un grande pubblico senza nemmeno troppa promozione alle spalle ma con tanto passa parola. E’ indubbiamente un’immensa soddisfazione anche perché amo molto le sfide”

Come pensa di averli conquistati?

“Premesso che la dittatura fortunatamente non tornerà mai più in Argentina, i film di oggi ti fanno vedere la reazione del pubblico a determinate tematiche. Esistono poi alcune similitudini tra quel terribile periodo rispetto al presente come per esempio le ipocrisie che si leggono in tanti giornali. Ci sono persone che pensano di non avere mai responsabilità rispetto alle loro azioni, riuscendo sempre a farla franca. E’ anche nostro compito puntare un riflettore su certe situazioni

El Clan di Pablo Trapero – Argentina, Spagna, 108’
Interpreti:  Guillermo Francella, Peter Lanzani

 

Alessandro Allori
Alessandro Allori
Dal 2003, anno della sua Laurea in Scienze Politiche Alessandro Allori si è dedicato dedicato al campo della comunicazione, del marketing e del giornalismo. Ha collaborato con numerosi settimanali e si occupa di maketing e contenuti redazionali per alcune agenzie di comunicazione.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015