giovedì, Ottobre 1, 2020

Wednesday, May 9 di Vahid Jalilvand a Venezia 72, sezione Orizzonti – la conferenza stampa

Jalal un giorno decide di donare a una persona bisognosa 10.000 dollari. Fa pubblicare l’annuncio su un noto giornale di Teheran, attirando l’attenzione di decine di poveracci che si accalcano sotto casa sua tanto da far intervenire la polizia per mandarli via.  Solo una ragazza incinta e l’ex fidanzata dell’uomo non demordono. Presentato a Venezia 72 nella sezione Orizzonti il lungometraggio di debutto del regista Iranian Vahid Jalilvand

Vahid Jalilvand racconta come nasce la storia che ha come protagonista Jalal…

“Il mio lavoro è come un omaggio verso chi sa da donare, una critica sociale verso una società disattenta e infine un omaggio verso le persone che danno comprensione agli altri”.

Ha incontrato tanti Jalal nella sua vita?

“L’Iran è piena di Jalal, solo che c’è una certa distanza tra di loro e la società che vi sta intorno”.

Lei è passato dalla tv al cinema ci spieghi il perché di questa decisione?

“In realtà si tratta del finale di un percorso che parte dalla televisione, passa per i documentari ed arriva finalmente al cinema”.

Come mai nel film i personaggi femminili sono i più testardi?

“Se guardiamo bene i personaggi testardi non sono solo le donne, tutti a modo loro lo sono. In questo film non ci sono personaggi negativi e non ci sono antagonisti. Se è vero che la donna è testarda Jalal lo è altrettanto. Le condizioni sociali fanno intestardire i personaggi”.

Cosa ha chiesto in particolare ai suoi attori?

“I personaggi emergono piano piano, prendono corpo nella mente e crescono ma la mia attenzione è soprattutto alla storia. Quando la storia è definita, i ruoli prendono più facilmente forma. All’inizio hai un copione in mano e le carte d’identità degli attori, poi parli con loro e vengono fuori nelle loro caratterizzazioni, cominciano a crescere e spesso alcuni ruoli vengono diversi e migliori di come li avevo immaginati”.

Niki Karimi la bella e affascinante protagonista del film rivela i segreti del suo personaggio..

“E’ naturale per una donna che ha sofferto tanto l’essere testarda. Questa caratteristica per me è importante quando scelgo sempre ruoli di persone che combattono e non si arrendono. Si tratta di un percorso che ci fa diventare esseri umani, un percorso che ci fa affrontare le avversità della vita senza essere cattivi”.

Lei ha un’importante carriera cinematografica alle spalle, come la mette in relazione rispetto a quest’ultima esperienza?

“Nei miei 22 anni di carriera ho fatto circa 50 film però posso confermare che questa volta il regista voleva costruire qualche cosa di diverso. Lavorare con un regista consapevole come Vahid fa si che l’attore dia il meglio di se. Una persona che vede i tuoi punti di forza e li mette in risalto. Di solito gli attori hanno dei riferimenti esterni, ma lui voleva che non avessi molti riferimenti da cui trarre ispirazione.

“La prima volta che l’ho vista gli ho detto che era molto brava – ha aggiunto Vahid Jalilvand parlando di Niki Karimi – però guardava dall’alto verso il basso, questo era dovuto alla sua classe sociale, dalla sua bellezza e dalla sua bravura. Gli dissi che il suo sguardo doveva diventare modesto perché faceva la parte di una persona che soffriva. Per questo ci siamo inventati un linguaggio e ogni volta che il suo sguardo diventava autorevole le facevo quel cenno”.

Wednesday, May 9 di Vahid Jalilvand – Iran, 102’
Interpreti: Niki Karimi, Amir Aghaee, Shahrokh Forootanian, Vahid Jalilvand

Alessandro Allori
Alessandro Allori
Dal 2003, anno della sua Laurea in Scienze Politiche Alessandro Allori si è dedicato dedicato al campo della comunicazione, del marketing e del giornalismo. Ha collaborato con numerosi settimanali e si occupa di maketing e contenuti redazionali per alcune agenzie di comunicazione.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015