giovedì, Ottobre 1, 2020

Man Down di Dito Montiel – Venezia 72, Orizzonti

Gli ultimi 10 minuti di Man Down ci rivelano quello che il film avrebbe potuto essere, e probabilmente era in fase embrionale: un soggetto non particolarmente originale ma efficace, ottimo per costruire un onesto thriller psicologico di cassetta, di quelli giocati su un groviglio di piani temporali sciolto solo nel finale (ipotetico modello di riferimento, la formula alla base del successo del primo Nolan).

Invece, se nella struttura un vago scheletro di questo progetto rimane in piedi, il ritmo e l’intenzione registica sembrano appartenere ad un altro film, sviluppandosi controllo su temi e pratiche di messa in scena cari a Montiel fin dagli esordi: il rapporto impossibile tra padri e figli e l’amicizia virile, trattata con grande dispendio di slang, diverbi e colloquiali sfottò, per sottolineare la coabitazione tra confidenza e rivalitá. Ne potrebbe risultare un interessante esperimento di racconto, se nei fatti anche questa seconda strada intrapresa dal film non fallisse piuttosto sonoramente i propri obiettivi.

Ad una decina d’anni da Guida per Riconoscere i Tuoi Santi, che sembrava aver indirizzato su binari sicuri la carriera di entrambi, il nuovo sforzo congiunto di Dito Montiel e Shia LaBeouf si rivela in effetti un deciso passo falso.

Gabriel Drummer è un reduce dell’Afghanistan che vaga alla ricerca del figlio in un’America in rovina, devastata da un oscuro conflitto nucleare. Nei flashback assistiamo ad un colloquio con lo psicologo militare in cui Gabriel ripercorre con la mente il suo passato recente, l’addestramento tra i marine con l’amico di una vita, la partenza per il fronte afghano, il rapporto affettuoso, per quanto complicato dalla guerra, con la moglie Natalie ed il piccolo Jonathan.

La descrizione e lo sviluppo in termini atmosferici dell’ambientazione distopica, centrale per conferire mistero e tensione alla trama e coinvolgere lo spettatore nell’intreccio che si dipanerà nel finale, vengono deliberatamente lasciati ai margini del racconto, relegati a brevi e confuse sequenze immerse in un posticcio grigiore in CGI (una una scelta espressiva che a posteriori potrebbe sembrare coerente, se la fotografia di tutto il resto del film non fosse immersa in un altrettanto posticcio biancore lattiginoso e melodrammatico).
Allo stesso modo, l’azione sul teatro di guerra mediorientale viene risolta in una sola goffa sequenza, che finisce per introdurre fin troppo tardi il pur delicato tema della sindrome da stress post-traumatico nei veterani, di fatto ridimensionando l’argomento a mero strumento per la facile evocazione di pathos.

Proprio l’enfatica rappresentazione dei sentimenti sembra il collante con cui Montiel intende tenere assieme i lembi involuti della trama: il compleanno del piccolo Jonathan, gli affettuosi saluti prima della scuola, il cliché del maschio cameratismo marine, paiono dilatati di proposito per lasciar sfogare il cast, e LaBeouf in particolare, in istrioniche improvvisazioni: ne è un esempio lampante la stiracchiata scena di raccordo nello studio dello psicologo, in cui il protagonista e un insospettabilmente impacciato Gary Oldman sembrano recitare a soggetto per arrivare il più tardi possibile al capovolgimento del finale.

Se le sbrodolate divagazioni sulle relazioni filiali e amicali non trovano altra giustificazione oltre a rappresentare un forzato carico emotivo da giocarsi nel finale, la sbrigativa soluzione finale non offre una sufficiente ricompensa allo spettatore per la confusa e ripetitiva frammentazione dei piani temporali.
Forse proprio questa connotazione da film in fuga da sè stesso può in qualche modo giustificare l’inclusione di Man Down nella sezione Orizzonti di questa Mostra del Cinema, lil quale però lascia dietro di sé l’amara sensazione di una pellicola in spericolato disequilibrio non tanto per una volontà o disposizione verso la sperimentazione, quanto per una pressochè totale perdita di controllo sulle redini del racconto.

Alfonso Mastrantonio
Alfonso Mastrantonio
Alfonso Mastrantonio, prodotto dell'annata '85, scrive di cinema sul web dai tempi dei modem 56k. Nella vita si è messo in testa di fare cose che gli piacciano, quindi si è laureato in Linguaggi dei Media, specializzato in Cinema e crede ancora di poterci tirare fuori un lavoro. Vive a Milano, si occupa di nuovi media e, finchè lo fanno entrare, frequenta selezioni e giurie di festival cinematografici.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015