domenica, Settembre 27, 2020

Ed Tullett – Fiancé: la recensione

22 anni, già con le idee chiare e un curriculum invidiabile. Dopo essersi fatto conoscere per il remix di “Hinnom, TX” di Bon Iver, Ed Tullett ha collaborato nella stessa forma con Local Natives e Ajimal e condiviso una produzione con Novo Amor, moniker dietro al quale si cela il cantante gallese Ali Lacey. La visibilità ottenuta con “Faux” lo spinge a lavorare sul proprio materiale. Fiancé è il suo debutto sulla lunga distanza pubblicato da Monotreme Records e in uscita nei primi mesi del 2016. Sospeso tra folk ed elettronica, l’album risente solo in parte dell’ultimo Bon Iver o di artisti a lui vicini come S. Carey, per il maggior peso che l’elettronica occupa nell’economia della sua musica.
Se il falsetto sembra ancorarlo ad una dimensione timbrica già sentita, il calore della voce fa da contrasto all’orchestrazione dei synth, impatto sonoro che spesso ci trascina in una realtà oscura o epicamente sinistra come in “Magnilant“, scandito dalle esplosioni sintetiche, quasi fossero un’orchestra arrangiata da Hans Zimmer.

Altrove, un’estetica kraut pop algidissima fa da sfondo al lirismo dell’ordito, per poi perdersi in brevi derive strumentali, eco lontana di un mondo perduto. Nel modo di comporre del musicista di stanza a Brighton c’è uno spirito completamente britannico e che ricorda i modi di Thomas Dolby nel combinare l’elettronica con altri mondi sonori come il Jazz e il pop. Non sono questi i riferimenti più vicini alla musica di Ed Tullett, ma il folk, le ballad e le torch songs, mantenendo quindi un’affinità solo elettiva con musicisti come Dolby per capacità combinatorie e per il coraggio di lavorare attraverso gli innesti.

La bellissima Kadabre è una sintesi peculiare e mette insieme folk, elettronica e la scansione rituale della musica Koto tradizionale. Agli antipodi di questo lavoro di cesello, l’esplosione emotiva dei synth già percepibile nel singolo che anticipa l’uscita dell’album: Ply flirta in un certo senso con gli eccessi di Patrick Wolf, mantenendo ben saldi i piedi in un nichilismo che asciuga i suoni e li rende più rigorosi di quelli concepiti dal collega, molto più votato a lasciarsi andare ad Ouverture senza alcuna misura.

Ma è Are you real il brano migliore e più indicativo dell’intero lotto. Con un incipit soffuso che ricorda il battito elettronico dei Depeche Mode declinato in versione intima, Tullett costruisce una strana creatura di confine tra folktelling, pop e mondi sintetici, depotenziando il groove sullo sfondo e operando un processo di risemantizzazione di certa elettronica; è in questo modo che la sua musica diventa un suggestivo travelogue dell’anima.

 

Ed Tullet – Ply

 

Donatella Bonato
Donatella Bonato
Veneta, appassionata di tutti quei suoni che alterano la percezione, si è laureata in storia dell'arte nel 2010 e alterna la scrittura critico-musicale al lavoro per alcune fondazioni storiche.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Phil France: Transition, musica per l’occhio di Google

L'album di debutto di Phil France si intitola The Swimmer e uscirà il 30 settembre 2013 per 26-2 Recordings; France, insieme a Jason Swinscoe è stato per anni responsbile del progetto Cinematic Orchestra. Samuel Craven dirige Transition, il video promozionale dell'imminente album di France

Psychic Rites – Singularity: il video gore di Mike Wilson

Gore grottesco e sopra le righe quello del nuovo video girato da Mike WIlson per gli Psychic Rites

MGMT – When You Die, oltre lo “style transfer” con il video di Mike Burakoff e Hallie Cooper-Novack

Mike Burakoff e Hallie Cooper-Novack realizzano un video geniale per gli MGMT adattando la tecnologia "style transfer" ad un nuovo software chiamato Glooby. Video pittura? Certamente, ma senza clonare necessariamente stili e motivi. L'interesse dei due videomaker è altrove.

M.Ward, A Wasteland Companion in uscita in Aprile.

A Wasteland Companion è il nuovo album di M. Ward ed esce il 10 aprile, in rete il video di The First time i ran away

Snow Patrol – il videoclip di “Soon” diretto da Brett Simon

Soon ovvero father and soon. Il nuovo video degli Snow Patrol diretto da Brett Simon è una commovente elegia famigliare che coinvolge il cantante della band Gary Lightbody e suo padre, colpito da demenza senile tre anni fa

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015