mercoledì, Novembre 25, 2020

Videoclip: Let forever be, spazio mentale o digitale?

Busby Berkeley è uno degli sperimentatori più radicali della hollywood tra gli anni ’30 e i ’40. Coreografo e in seguito regista, introduce un approccio anti naturalistico e visionario nell’organizzazione dello spazio dedicato al numero di danza. È una dimensione squisitamente cinematica legata ai fenomeni della percezione.

Footlight Parade di Lloyd Bacon (coreografie e numeri di danza Busby Berkeley) (1933)

Esempio pregnante di quello scambio tra sperimentazione e industria che colloca Berkeley in una posizione complessa, le cui radici affondano nella tradizione surrealista del cinema non narrativo. L’invenzione di uno spazio anti-naturalistico situato tra set e realtà, ma puramente e cinematicamente mentale viene reinventato proprio a partire da qui nel video che Michel Gondry realizza nel 1993 per i Chemical Brothers. “Let forever be” filtra l’associazione tra ritmo dell’immagine e musica mediante una dinamica frattale legata alla simulazione di tempo, spazio e inquadratura, esfoliando immagini dentro altre immagini, come nel cinema di Berkley, ma sostituendo l’arte ottica del coreografo con la moltiplicazione e la scansione di simulacri digitali.

The Chemical Brothers – Let Forever Be

Che lo scopo di Gondry sia del tutto antologico prima ancora che fenomenologico è chiaro dall’operazione di sintesi storica che compie. In “Let Forever be” ci sono almeno 60 anni di interazione tra musica e immagine, l’elettronica che viene utilizzata si riferisce più agli anni 80 che non ai 90 e passa in rassegna di tutto, incluso i promo video degli anni 70, lo scenario televisivo dei primi 80, i telefilm di fantascienza inglese prodotti dalla ATV (Doctor Who, Zaffiro e Acciaio) e naturalmente la televisione performativa di Nam June Paik. C’è tutto il gusto per la nostalgia che Gondry ha sviluppato nel suo cinema, ma anche un potente lavoro di sintesi storico-visiva.
Dobbiamo considerare che nei clip di consumo degli anni ’80, la relazione anche lontana con le avanguardie assume generalmente un valore che non va oltre la decorazione e l’organizzazione del set entro i confini del design, per favorire la frontalità della performance, come nel dècor esplicitamente espressionista di “Temptation” diretto da Steve Barron per gli Heaven 17. 

Heaven 17 – Temptation

Heaven 17 – Temptation

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Sparks – One for the ages: le creature antropomorfe di Chintis Lundgren

Chintis Lundgren, talentuosa e pluripremiata animatrice Estone lavora per gli Sparks con il video di "One for the ages", inquietante metafora del potere

Videomaker Around The World: il format di Stefano Poletti in esclusiva su indie-eye, quarto episodio

Videomaker around the world. Indie-eye continua a proporre in esclusiva il format ideato, girato e montato da Stefano Poletti, uno dei registi di videoclip più creativi del nostro paese. Insieme al quarto episodio del suo viaggio negli States e al racconto sul campo di un videomaker al lavoro, proseguiamo la nostra conversazione con Stefano dove parliamo anche dei suoi lavori realizzati per Baustelle, Zen Circus, Simona Gretchen, Pan del Diavolo.

The Zen Circus – Zingara (il cattivista): il video ufficiale è una fotografia del paese in cui viviamo

Violenza e razzismo nel nuovo video degli Zen Circus. Zingara (il cattivista) è un esperimento generativo alla ricerca dell'anima razzista del paese

Simone mi odia – Saturno: l’anteprima streaming esclusiva su indie-eye.it

Saturno è il primo full lenght di "Simone mi odia", prodotto da Lorenzo "Buzzino" Corti, già chitarrista per Nada, Cesare Basile e Cristina Donà, l'album esce il 2 aprile e da oggi è in esclusiva streaming su Indie-eye.it

Dentro la bocca di Bjork: Mouth Mantra, il video di Jesse Kanda

Nuovo incredibile video per Bjork. Mouth Mantra è un viaggio dentro la bocca dell'artista islandese diretto dal geniale Jesse Kanda

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015