lunedì, Settembre 21, 2020

Aa. Vv – Il paese è reale – (Casasonica 2009)

19 artisti per un paese migliore? Questo è l’interrogativo con cui ci si avvia all’ascolto de “Il paese è reale”, compilation fortemente voluta e curata dagli Afterhours, foriera delle solite sterili polemiche pre e post Sanremo. Un interrogativo che pone qualche problema, caricando di significati ideali un album che evidentemente non si può affrontare solamente sul piano musicale. Tuttavia, si mancherebbe ugualmente il bersaglio se si volesse leggere questa raccolta come una sorta di manifesto programmatico di una ‘scena’ che non c’è (o che almeno fino adesso si cerca senza trovarsi). La tensione e la bellezza di questo disco si gioca tutta tra i poli dello slancio ideale che l’ha partorito e un acuto senso della realtà che tiene al riparo da qualunque ottimismo o intento autocelebrativo. Amore e rabbia soprattutto, dove critica, trasgressione e fierezza da ‘altra italia’ si danno solo se accompagnate da pari dose di disillusione. E così “Il paese è reale” non si accontenta di chiamare a raccolta molti tra i nomi migliori del panorama italiano ma, proprio grazie alla tensione sprigionata da quel grido di rabbia che brucia tutto nel momento stesso in cui si alza per strozzarsi di fronte alla propria impossibilità, mette in fila alcune delle più belle canzoni ascoltate negli ultimi anni. Un filo rosso che unisce tutte le partecipazioni del progetto e che spesso si lascia scorgere tra le pieghe dell’album, poco importa se attraverso la ruvidezza de Il Teatro Degli Orrori e la brutalità degli Zen Circus oppure con la delicatezza dei Mariposa. L’inizio lascia senza fiato. Aprono gli Afterhours (fammi far solo qualcosa che serva… dir la verità è un atto d’amore fatto per la nostra rabbia che muore), prosegue Paolo Benvegnù con una canzone che non fa prigionieri (se non vivi per paura di dover morire… perché non credi a niente?) e Marco Parente (ciò che dico può bruciare da un momento all’altro). Dente conferma lo stato di grazia messo in bella mostra con il nuovo disco (dai l’acqua alla pianta dei sogni… che intanto io accendo il camino)così come Cesare Basile conferma ispirazione e classe infinita (…e avevi tutto l’amore nel pugno… e il peso scarso della tua morale). Non inferiore anche il contributo portato dai brani cantati in inglese (Disco Drive, Settlefish, Beatrice Antolini e A Toys Orchestra tra gli altri) per un disco al di là di ogni (mia) più rosea aspettativa. Cuore e cervello oltre l’ostacolo. E la risposta alla domanda iniziale è assolutamente SÌ.

Gigi Mutarelli
Gigi Mutarelli
Contatta la redazione di indie-eye scrivendo a:info@indie-eye.it // per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it // per l'invio di materiale promozionale puoi spedire a: INDIE-EYE | VIA DELLA QUERCIOLA N. 10 | 50141 | FIRENZE //

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Blu Magritte – Sing Loud – Il video di Francesca Bonci in anteprima: tra dream pop, jazz e ambient

Blu Magritte, tra dream pop, jazz e ambient, la musica colta e immediata di Federico Squassabia, ottimo musicista Jazz e della talentuosa cantante Valentina Donati. Il video di "Sing Loud" è diretto dalla visual artist Francesca Bonci e lo presentiamo su indie-eye in anteprima esclusiva

Pain Teens – “The Basement”, uno dei video più disturbanti nella storia della videomusica

"The Basement" è il misconosciuto videoclip d'esordio girato da un ottimo regista come Joseph Kahn per una band seminale, i texani Pain Teens, durante la promozione del loro secondo album, "Born in Blood", uscito nel 1990. Vi raccontiamo la storia di uno dei video più violenti e disturbanti mai realizzati.

Portfolio – To the right: il videoclip in esclusiva

"To the right" seconda traccia da DUE, l'album dei Portfolio uscito recentemente. Il video è in esclusiva lancio su indie-eye.it a partire da oggi

The Prelinger Archives: Panorama videoclip

Dai primi anni del nuovo millennio gli Archivi di Rick Prelinger sono approdati online, come materiale di pubblico dominio, liberamente disponibile per il ri-utilizzo. Il corpus dei filmati "effimeri" ritrovati e conservati, rappresenta la più vasta documentazione audiovisiva sulla storia "parallela" e rimossa degli Stati Uniti D'America. Gli archivi rappresentano una possibilità creativa capace di abitare il concetto di distanza e di isolamento in termini partecipativi. Di questo serbatoio utilizzato da moltissimi autori e creativi, abbiamo provato a tracciare un incompleto "Panorama Videoclip"

Reflektor, tutto sul nuovo video interattivo degli Arcade Fire

Guarda il nuovo video interattivo degli Arcade Fire

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015