domenica, Febbraio 28, 2021

Universal Daughters – Why Hast Thou Forsaken Me?

Una parata di stelle del rock internazionale più o meno underground, questo è il disco degli Universal Daughters, progetto guidato da Marco Fasolo degli italianissimi Jennifer Gentle insieme a Maurizio Boldrin e Jean Charles Carbone con contributi di membri dei Verdena, degli Slumberwood e Guano Padano.
A questo ensemble hanno prestato appunto la voce una serie di star da brividi, reinterpretando (il disco è composto interamente da cover) brani della tradizione a stelle e strisce, ma anche cose un pochino più particolari (ci sono anche i Suicide, per fare un esempio).
Si parte con Chris Robinson dei Black Crowes nella liturgia da deserto del Mojave di I Am Born To Preach The Gospel, passando per la ballatona First Of May dei Bee Gees cantata con maestria da Jarvis Cocker dei Pulp.
Il blues, la cattiveria e l’occhiolino al diavolo ce lo mettono mister Mick Collins dei Dirtbombs (It’s Your Voodoo Waking) e il diabolico Alan Vega (I Hear Voices), mentre il suo compare Baby Dee va più sul classico (Hong Kong Blues). I Suicide la fanno ancora da padrone visto che a metà dell’opera vengono coverizzati in una Cheree cantata da Mark Arm (Mudhoney) che non fa rimpiangere l’originale.
L’insieme è molto eterogeneo: si passa dallo swing fumoso di Midnight, The Stars And You con Lisa Germano a Kangaroo dei Big Star, resa pianistica e dolente grazie anche alla prova (forse la più riuscita del lotto) di Gavin Friday (Virgin Prunes).
Ci sono ancora da segnalare le partecipazioni di Swamp Dogg (nel soul intenso di The Clock), Steve Wynn (Dream Syndicate) nel country di Psycho e Stan Ridgway (Wall Of Voodoo) che gigioneggia nel music hall di Is That All There Is?
Insomma, la crema della crema per un viaggio emozionante nei solchi della musica angloamericana. Se poi il tutto è fatto per una buona causa (i proventi verranno devoluti a un centro di oncoematologia pediatrica di Padova) che volete di più?

 

 

 

Denis Prinzio
Denis Prinzio è bassista di numerose band underground ora in congedo temporaneo, scribacchino di cose musicali per sincera passione, la sua missione è scoprire artisti che lo facciano star bene.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

TIziana Felle – “Mark My Words” il video diretto da Giovanni Labianca

Tiziana Felle, veterana della scena musicale italiana, presenta il suo album "Boundaries" e lo promuove con un video musicale diretto da Giovanni Labianca. Vi raccontiamo "Mark My Words" attraverso le parole di Felle e Labianca e con un nostro percorso critico

Umaan – Una sola veste: lo straordinario video di Michele Bernardi

Michele Bernardi è uno degli animatori migliori tra quelli che abbiamo in Italia. Uno dei suoi ultimi lavori è il videoclip per Umaan, "Una sola veste", straordinario viaggio nell'arte nordafricana e mediorientale.

Indie-eye VIDEOCLIP: tutte le nuove rubriche dedicate ai video musicali

Le Nuove rubriche di Indie-eye VIDEOCLIP dedicate ai video musicali di animazione, ai Visuals e a tutta la cultura visiva, da quella "club" al live mapping, fino ai cinemagraphs. La Storia e le Teorie dei videoclip, dal passato sino al futuro. E ancora: le videografie e gli autori più importanti, le interviste con i creativi, e a breve una rubrica dove senza alcun filtro analizzeremo libri, pubblicazioni, testi da conoscere e da recuperare

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015