martedì, Settembre 29, 2020

The Babadook di Jennifer Kent – Torino Film Festival 32, Concorso: la recensione

The Babadook è un film che racchiude tutte le prerogative dell’horror, ma che le sfrutta per analizzare e raccontare il disagio e la solitudine di Amelia, una madre che si ritrova a dover crescere il figlio senza la presenza del marito, morto in un incidente proprio il giorno del parto.

Si sente l’eco di cupe atmosfere fiabesche nell’opera dell’australiana Jennifer Kent, con incursioni intertestuali esplicite ai cortometraggi di Méliès, in cui si materializza Babadook, l’uomo nero della misteriosa fiaba che arriva a tormentare madre e figlio, e all’episodio La goccia d’acqua di Mario Bava del film collettivo I tre volti della paura. Un film, quindi, che dichiara con queste citazioni il proprio riferimento estetico e narrativo. L’uomo nero assume infatti un’allegorica funzione. Le paure e i demoni della donna prendono forma in questa figura archetipo che tormenta l’esistenza del già fragile e imperfetto nucleo familiare.

Come nel film di Bava, di dichiarata radice trascendentalista alla Edgar Allan Poe, in cui i sensi di colpa e il rimorso si manifestano in forme mostruose e trascinano in spirali di follia, così anche in The Babadook le paure e l’impossibilità di seppellire il passato sfociano in un odio che si riversa come una macchia nera sulle vite della donna e dell’ingestibile e iperattivo figlio.

Le angosce sono incarnate dalla figura del male convenzionale, l’uomo misterioso e terribile, simbolo delle paure ataviche dell’essere umano, ma si esprimono anche con soluzioni che ricordano le weird tales di Stephen King e George Romero: l’invasione degli scarafaggi nelle sicura mura domestiche come emblema di ossessione e di impossibilità di protezione da un male che si genera dall’interno, come nell’ultimo episodio di Creepshow.

È una dimensione quindi soggettiva, ma che mette alla pari entrambi i punti di vista. Le paure e i malesseri accomunano madre e figlio, a causa dell’assenza di una figura paterna. Uno spazio nero nelle loro vite, che rischia però di diventare presenza mostruosa, ossessione e tormento senza fine.

L’unico modo per salvarsi è imparare a domare questo uomo nero interiore, relegarlo in cantina, letteralmente, e cercare di affrontare con coraggio e amore i problemi di ogni giorno.

 

Andrea Schiavone
Andrea Schiavone
Andrea Schiavone, appassionato di cinema ha deciso di intraprendere studi universitari in ambito cinematografico. Laureatosi in Arti e Scienze dello Spettacolo alla Sapienza di Roma ed attualmente studente magistrale in Cinema, Televisione e New Media alla IULM di Milano.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015