venerdì, Marzo 1, 2024

Venezia 80, flash-mob per le donne e il popolo iraniano

La mostra internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia organizza per il 2 settembre un flash-mob a sostegno delle donne e degli uomini del popolo iraniano

La Biennale di Venezia rinnova con forza la sua solidarietà verso le donne e gli uomini del popolo iraniano che si battono per le loro libertà e contro la repressione in atto, nonché verso i cineasti e artisti arrestati o imprigionati.

Questo anche alla luce della recente condanna del regista Saeed Roustaee a sei mesi di carcere, per la proiezione al Festival di Cannes nel 2022 del suo film Leila’s Brothers. Saeed Roustee aveva partecipato nel 2019 alla Mostra di Venezia in Orizzonti con Metri Shesho Nim (Sei metri e mezzo).

Dopo le iniziative realizzate alla 79. Mostra 2022, in particolare col flash-mob per il regista Jafar Panahi, la Biennale di Venezia organizza quest’anno una nuova azione di solidarietà all’80 Mostra (30 agosto–9 settembre 2023), in collaborazione con l’Associazione democratica degli Iraniani di Venezia.

I cineasti, gli artisti e altre personalità del mondo del cinema presenti il 2 settembre al Lido saranno invitate a partecipare, alle ore 18.00, a un flash-mob sul red carpet del Palazzo del Cinema con lo scopo di sensibilizzare i media, i governi e le organizzazioni umanitarie mondiali sulla situazione del popolo iraniano.

Il flash-mob si terrà nel giorno della proiezione in Sala Darsena (ore 14) del film della sezione Orizzonti Tatami, di Guy Nattiv e Zar Amir Ebrahimi, collaborazione fra un regista israeliano e un’attrice iraniana, che firmano una co-regia che ricostruisce l’autentica vicenda di una giovane lottatrice di judo, che le autorità iraniane vorrebbero costringere a ritirarsi dalla competizione, per non dover combattere contro un’atleta israeliana.

Partecipa a questa azione di solidarietà la sezione autonoma della Mostra, le Giornate degli Autori, che presentano quale evento speciale d’apertura, mercoledì 30 agosto (Sala Perla, ore 14) Aftab mishavad (The Sun Will Rise) di Ayat Najafi. A Teheran nell’ottobre 2022 un gruppo teatrale sta provando la commedia greca Lisistrata di Aristofane. Durante la scena dell’assalto all’Acropoli conquistato dalle donne di Atene, l’ensemble apprende di essere circondato dalle forze anti-sommossa.

Anche il flash-mob di quest’anno a Venezia intende rappresentare la più forte dimostrazione della massima solidarietà del mondo del cinema nei confronti del popolo iraniano.

Di seguito il video delle donne iraniane fiorentine, supportate da Indie-eye

Redazione IE Cinema
Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

ARTICOLI SIMILI

CINEMA UCRAINO

Cinema Ucrainospot_img

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Indie-eye Su Youtubespot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img