sabato, Dicembre 5, 2020

Inland Empire di David Lynch. Ancora disponibili 57 pre-order per l’edizione speciale Blu Ray

La Startup di Inland Empire è ancora attiva e delle 1.000 copie che saranno stampate, ne sono disponibili solo 57 per il pre-order. L’edizione speciale del capolavoro di David Lynch con extra in via di definizione, realizzata in collaborazione con BIM e Studio Canal, potrebbe avvicinarsi a quella Blu-Ray immessa sul mercato britannico a partire dal 2010 da Optimum Releasing e realizzata sempre in collaborazione con Studio Canal. In quel caso la dotazione dei contenuti speciali recuperava quelli delle edizioni DVD di tre anni prima (inglese e francese) ed era per lo più costituita da masterclass, interviste, una conversazione tra Lynch e Mike Figgis, per un totale che superava l’ora di materiale. Nessuna traccia di “More Things That Happened“, ovvero i 90 minuti di scene e dialoghi tagliati dalla versione definitiva del film, che furono inclusi  nella storica edizione doppio disco DVD pubblicata dalla Rhino e approvata da Lynch.

Se i contenuti di “More Things that happened” fossero inseriti nella versione CG sarebbe un bel colpo, tanto da rendere l’edizione italiana appetibile anche per il mercato estero, considerato che l’edizione Rhino è fuori catalogo da anni ed è reperibile solo nella rete dei collezionisti a prezzi non proprio accessibili. 

Il pre-order per l’edizione speciale Blu Ray  CG di Inland Enpire si effettua da questa parte sul sito della distribuzione

 

 

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015