mercoledì, Dicembre 2, 2020

Cinema D’iDEA, Il Women International Film Festival si svolgerà online

Dare visibilità alle donne. La missione di Cinema D'iDEA senza mezzi termini e da quattro anni è offrire spazio, occasioni e opportunità alla creatività e al punto di vista femminile. La rassegna quest'anno si svolgerà online a partire dal 15 novembre sulla piattaforma VOD Streeen, vera e propria isola di cinema alternativo. I dettagli e il programma

La quarta edizione di Cinema D’iDEA, manifestazione romana dedicata al cinema fatto, diretto e prodotto da donne, si svolgerà online dal 15 al 21 novembre 2020 grazie alla piattaforma Streeen, vera e propria alternativa d’autore alla più diffusa politica redazionale delle piattaforme VOD.

11 lungometraggi, preceduti dalla proiezione in streaming gratuito di Platform, il film dell’Iraniana Mosayebi Sahar che ha vinto la scorsa edizione del festival, storia di tre sorelle provenienti da una famiglia tradizionale del suo paese. Ad eccezione di questo titolo, tutte le opere scelte sono recentissime e realizzate tra il 2019 e il 2020.

Apre la rassegna Citizen Rosi, film presentato a Venezia 76, diretto da Didi Gnocchi e Carolina Rosi e incentrato sulla figura del regista Francesco Rosi.
Oltre al film della Sahar, sono quattro le produzioni iraniane presentate al festival: Thouran Khanom di Mojtaba Mirtahmasb, Rakshan Banietemad, film su Touran Mirhadi ovvero la figura più importante nell’ambito dell’educazione dei bambini in Iran; All That’s Missing di Zeinab Tabrisi, su due donne a cui viene diagnosticato un tumore al seno; Invisible di Shirin Barghnavard, film sul muro di Berlino come metafora della separazione; Formerly Youth Square della regista e giornalista Mina Akbari, impegnata a raccontare la storia redazionale di Jame, quotidiano chiuso, film importante che racconta la difficoltà di esercitare libero pensiero e libera stampa in Iran. Co-produzione tra Iran e Armenia Yeva di Anahid Abad, dramma intensissimo sulle tensioni tra Armenia e Azerbaigian, questione tornata di grande attualità.
Dagli Stati Uniti arriva Foreign Puzzle, film della regista e fisioterapista Jeyaram Chithra che racconta di Sharon, coreografa e insegnante di scuola elementare messicana, di stanza ad Austin e in lotta con un brutto cancro al seno.

Oltre al film su Rosi, l’altro film Italiano della rassegna è Solo No di Lucilla Mininno, ostinata difesa di un teatro fisico e dell’anima, film fondamentale di questi tempi. La costaricana Antonella Sudasassi Furniss porta in concorso La lotta delle formiche, storia dell’autoaffermazione identitaria di una madre a cui si vorrebbe imporre un terzo figlio.
Fuori concorso We are Soldiers della russa Svitlana Smirnova, racconto delle atrocità di una guerra poco raccontata come quella tra Russia e Ucraina per la Crimea e il Donbass, iniziata nel 2014.

11 anche i cortometraggi proposti dalla quarta edizione di D’iDEA, per il programma completo e l’acquisto di pacchetti abbonamento oppure singola programmazione, questa la pagina del festival ospitata dalla piattaforma Streeen

La direttora artistica Patrizia Fregonese De Filippo presenterà alcuni film in diretta facebook insieme alla critica cinematografica Chiara Zanini e alla redazione di Streeen, mentre i premi saranno comunicati il prossimo 21 novembre dalla giuria internazionale costituita dalla sceneggiatrice Giovanna Koch, i produttori francesi Nicolas e Sarah-Lou Billon, il drammaturgo Nino Russo, la giornalista Christina Höfferer, l’economista Gianni Celata.

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015