venerdì, Dicembre 4, 2020

Viennale 2011 – The Nine Muses di John Akomfrah (Gb, 2010)

Una delle cose che ho cercato di fare nel mio lavoro è stata riconfigurare la relazione tradizionale tra la componente visiva del film, sia esso documentario o di finzionie, e il suono. Tradizionalmente, la colonna sonora non fa che confermare o sottolineare qualcosa che già esisteJohn Akomfrah

John Akomfrah, inglese di origini africane e fondatore del Black Audio Film Collective, è un regista che nella sua carriera si è sempre interrogato su quale fosse il modo migliore per descrivere l’immigrazione degli africani in Inghilterra negli anni ’50 e ’60.
Beh, certo non questo. The Nine Muses, al di là della rispettabilità degli intenti, visivamente è un pout-pourri di immagini da archivio sul tema dell’immigrazione condito con riprese paesaggistiche dall’alaska. Il film è suddiviso in 9 capitoli (che corrispondono alle 9 muse greche, figlie di Zeus e di Mnemosine), con una colonna che a brani di musica colta più o meno celebri (Schubert, Wagner, Arvo Pärt) sovrappone declamazioni di estratti di Omero, Dante, Milton, Shakespeare, Beckett, Joyce. Il risultato finale è di un lirismo poetico confuso e insostenibile, un film che si vuole rivelatore ma che non riesce a rivelare niente. Un lungo sermone sul quale poco c’è poco da dire, e dove rimane poco spazio per pensare. The Nine Muses è un film che osa, sperimenta, ma nella ricerca di un nuovo lirismo non trova niente di meglio che centrifugarne di vecchi, combinando elementi ottimi in modo pessimo, per giunta scuocendo il minestrone con un ritmo narrativo praticamente inesistente. È un peccato dare un giudizio così tranchant ad un’opera, sulla carta, molto interessante, ma proprio non ci siamo. Si salva solo la bellezza fotografica delle scene di ghiacciai, talvolta iper-saturate e talvolta desaturate, sfumate, evocative, sovraesposte, frutto di una post-produzione ricercata. Altro ottimo ingrediente, l’unico inedito, buttato lì, puro elemento estetico.

Raffaele Pavoni
Raffaele Pavoni (Piombino - LI, 15/04/1987) si è laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo nel 2008, e ha ottenuto il diploma CESCOT di Tecnico Qualificato Documentarista nel 2009. Ha all'attivo documentari, cortometraggi, clip promozionali, collaborazioni con emittenti televisive e studi fotografici, partecipazioni a festival. Ha collaborato e collabora per varie testate web. Vive e lavora a Firenze.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015