martedì, Settembre 29, 2020

My blueberry nights / Un Bacio Romantico – di Wong Kar Wai

Travis (David Strathairn) in preda all’alcool e al furore causato dalla perdita punta una pistola verso sua moglie Sue Lynne implorandole di non uscire dalla porta che separa l’arena chiusa di un locale dal simulacro della città. E’ uno degli spazi sottoposti da Wong kar wai ad un regime scopico ferocemente virtuale, dove la teatralizzazione del gesto si trasforma in postura reiterata e congelata dallo sguardo vicinolontano di Norah Jones e degli avventori, rappresentazione pura che è anche co-presenza. Il contatto più forte con il migliore e il peggior cinema di Wong Kar Wai in My Blueberry Nights si manifesta in questa riduzione di ogni accumulo cosi da mostrare in modo apparentemente scandaloso e se si vuole, sconcertante, la confusione tra l’immagine come spazio e l’immagine come schermo. I Corpi entrano nell’immagine e ci entrano con quel residuo di nostalgia strappata da un mondo e da un mondocinema che non è più, nella riproposizione dell’assenza come un movimento apparente, costituito da dialoghi relitto, e da un romanticismo che è solo residuale. La distanza viene ridotta e anche narrativamente, il viaggio con ritorno di Norah Jones si inceppa, è una contrazione illogica che si trascina nello spazio di un’america ellittica dove gli eventi sono già stati e si presentano come reiterabili, i dialoghi sono già consumati e prodotti, la morte (il padre di Natalie Portman) è una simulazione reale sulla cui verità cala un dubbio di immateriale memoria marcato da una delle sequenze più belle, nude, improbabili e ridicole di tutto il cinema di Wong Kar Wai. In fondo, il cinema del regista Hong Kongese è sempre stato minacciato da un’ipertrofia della superficie che qui cade in frantumi mostrando l’essenza digitale attraverso la prospettiva mono-oculare di Darius Khondji, quasi fosse l’occhio disincarnato di una webcam, la stessa che serve a Jude Law per ricordare e che spinge i corpi dei due amanti in un segmento di spazio già osservato, nel gelo di un bacio antiromantico.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

ECONTENT AWARD 2015