venerdì, Dicembre 4, 2020

Venzia 69 – Concorso – Paradies: Glaube di Ulrich Seidl (Austria/Germania/Francia, 2012)

Il rapporto con le pellicole di Ulrich Seidl è estremamente ambiguo: si è liberi di accettare il linguaggio imposto dal regista austriaco e goderne spassionatamente i contenuti, oppure si cerca di forzare la pura marca visiva del film, in modo da intravedere il prisma di simboli di ogni singola scena. Nessuno dei due atteggiamenti è preferibile all’altro, perché la chiave di lettura di Seidl risiede interamente nell’atteggiamento adottato dello spettatore, il cui sguardo, serafico, codino, ma anche consapevole e indulgente, deve saper abbracciare la perversa moralità del film per poi slegarsene. Queste considerazioni erano pertinenti già prima della trilogia Paradies, di cui questo Glaube rappresenta il secondo capitolo: un lavoro massivo che racchiude ottanta ore di girato e ha richiesto quattro anni di lavoro; una trilogia che Seidl vorrebbe rendere un’unica intensa opera, nonostante la suddivisione episodica doni ai singoli capitoli un’innegabile, coesa autonomia. La protagonista di Glaube è Anna Maria, una donna diversa dalla sorella Teresa, protagonista del precedente Liebe: Anna Maria non cerca il proprio personalissimo paradiso, ma l’ha già trovato in un cattolicesimo compulsivo, a tratti medievale. Secondo la tradizione del Wandermuttergottes (i devoti predicano porta a porta il culto della Madonna) la protagonista vaga per le zone più disparate dell’area metropolitana viennese; l’obiettivo dichiarato è il tentitivo di riportare l’Austria ad un cattolicesimo giusto e reale, che l’immigrazione e i cambiamenti di costume minacciano costantemente. La crisi per Anna Maria è costituita dall’inaspettato ritorno del marito, musulmano e paraplegico, che la donna aveva sposato prima di abbandonarsi anima e corpo alla fede: Anna Maria vive la presenza del marito come una prova estrema cui Dio vuole sottoporla.

La religiosità cieca e pervertita che permea il film non è l’elemento primario, ed anzi è interdipendente rispetto a una carnalità a tutti i costi indecente: una commistione rappresentata dal corpo nudo della protagonista, laido perfino nell’atto della flagellazione. In questo modo il senso del martirio in Glaube si definisce secondo il paradigma del lubrico. Seidl sostiene la struttura del film secondo il proprio codificatissimo metodo: assenza di sceneggiatura, improvvisazione degli attori, ordine cronologico del girato, assenza di commenti musicali (a meno che non siano interni alla scena). La fissità delle inquadrature, quasi asettiche nella loro irragionevole geometria, cesellano quell’atmosfera da docudrama tanto cara al regista austriaco. Questa staticità sarà anche fondamentale nella costruzione dell’immagine per Seidl, ma contraddice quanto di nuovo intravisto nel primo capitolo Liebe: il maggiore ricorso alla telecamera a mano e l’ambientazione esotica donavano al film un’insperata ed efficace veridicità. Questo dato formale, sebbene marginale, è indice di una certa autoreferenzialità cui Seidl sembra non sapersi tirare indietro. Mentre i precedenti lavori potevano al massimo richiamare le opere di altri autori (dalle polifonie velenose di Cassavetes o il più recente Solondz, alle architetture spietate di Herzog o Haneke), qui Seidl cita programmaticamente se stesso: l’esempio lampante è Canicola – Hundstage, del quale si ripropone non solo il cast (l’eccellente Maria Hofstätter, le cui due interpretazioni sembrano richiamarsi e implementarsi a vicenda), ma anche il setting e le soluzioni espressive. L’impressione è che questa sistematicità nei motivi sovrasti l’istintività cui i film di Seidl hanno sempre aspirato.

Davide Minotti
Davide Minotti nasce a Frosinone nel 1989. Dopo un'esperienza alla John Cabot University di Roma, si occupa ora di Germanistica e Scandinavistica tra l'Università degli Studi di Firenze e la Rheinische-Friedrich-Wilhelms-Universität di Bonn, dove vive. Appassionato di letteratura e cinema, spera che un giorno questi interessi possano diventare qualcosa di più concreto. Nel frattempo scrive e progetta cortometraggi nel perenne tentativo di realizzarli.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Irish Film Festa 2020. 18 corti in streaming gratuito

Il festival del cinema irlandese presenta 18 corti dal 27 al 29 novembre in streaming gratuito

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

Casa de antiguidades di João Paulo Miranda Maria: recensione

Casa de Antiguidades è il primo lungometraggio del brasiliano João Paulo Miranda Maria. Antônio Pitanga, volto storico del Cinema Novo brasiliano interpreta Cristovam, anziano lavoratore costretto a trasferirsi dal nord al sud del Brasile. Il lavoro in una fabbrica di latticini all'interno di un'ex colonia austriaca acuisce un contrasto culturale e sociale che esploderà in una trasformazione radicale e irreversibile. Visto al Torino Film Festival 2020

Wildfire di Cathy Brady: recensione

Kelly torna dalla sorella Lauren in una città non precisata sul confine tra Irlanda del Nord e Irlanda del sud. Scomparsa per un anno cercherà di ritrovare le origini di un trauma insieme alla sorella, sulle tracce della madre morta e contro le convenzioni del luogo. Wildfire è l'esordio di Cathy Brady visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015