mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home Venezia 69 concorso

concorso

Venezia 69 – Concorso – Linhas de Wellington di Valeria Sarmiento (Portogallo, 2012)

Il film che avrebbe dovuto esser completato da Raul Ruiz, grazie all'interesse di Paulo Branco viene affidato a Valeria Sarmiento, compagna di vita e di lavoro del grande regista Cileno morto un anno fa. Linhas De Wellington è quindi un lavoro complesso, che stratifica due modi diversi di lavorare con il Cinema e una percezione della storia Portoghese osservata da due cittadini ec-centrici; in concorso a Venezia 69, la recensione...

Venezia 69 – Concorso – La cinquième saison di Peter Brosens e Jessica Woodworth (Belgio, 2012)

La contaminazione, le piaghe di un mondo animale in decomposizione, la natura che non dialoga più con i suoi abitanti attraversa tutti e tre i lungometraggi dei belgi Peter Brosens e Jessica Woodworth, che con La cinquième saison, realizzato a tre anni di distanza da Altiplano, chiudono una trilogia tra fenomenologia della natura ed elegia del disastro...

Venezia 69 – Concorso – Bella addormentata di Marco Bellocchio (Italia, 2012)

Bella addormentata è l’ennesima conferma di qualcosa che già sappiamo da tempo: nel panorama del cinema italiano contemporaneo, Bellocchio rimane il più abile e convincente analista del presente e del passato storico della nazione. Un’acuta lucidità che, senza disdegnare la pratica allegorica, in quest’ultimo film riesce a convertire fatti di cronaca in una costellazione di significati universali; la recensione di Diego Baratto...

Venezia 69 – Concorso – Spring Breakers di Harmony Korine

Spring Breakers l'ultimo film di Harmony Korine in concorso a Venezia 69

Venezia 69 – Concorso – Après Mai di Olivier Assayas (Francia, 2012)

E' lo spazio iperbolico Debordiano della deriva che interessa ad Assayas, tracciato mobile e nomade che si caratterizza come esperienza ambigua e indeterminata; Après Mai è un film sullo spaesamento, Venezia 69 in concorso, la recensione...

Venezia 69 – Concorso – Outrage beyond di Kitano Takeshi (Giappone, 2012)

Il “nuovo” corso del cinema Kitaniano post trilogia è imperniato su un’idea industriale di produzione in serie con mere finalità ludiche; la recensione di Outrage Beyond scritta da Diego Baratto, in concorso a Venezia 69 ...

Venezia 69 – Concorso – Fill the Void di Rama Burshtein (Israele, 2012)

Fill the void è il primo lungometraggio della Newyorchese Rama Burshtein, girato interamente a Tel Aviv all'interno della comunità Ebrea Ortodossa, in concorso a Venezia 69 la recensione...

Venezia 69 – Concorso – To the wonder di Terrence Malick (Usa, 2012)

Dopo Tree of Life non era possibile che Terrence Malick tornasse indietro To The Wonder si sbarazza definitivamente dell'impianto colossale che nel precedente film dialogava con quei dieci, cento, mille film aperti dalla vicinanza famigliare della Red One ai corpi e alla luce per mantenere solamente questi, Venezia 69, in concorso...

Venezia 69 – Concorso – The Master di Paul Thomas Anderson (Usa, 2012)

Paul Thomas Anderson riformula la lotta drammatica del potere in un processo che supera polifonia e monologo e trova compimento nel dialogo tra due estremi. Una sintesi che si manifesta anche sui piani dimensionali dello spazio e del tempo. The Master abbatte il fondo ambientale dei precedenti film e si sviluppa per buona parte come dramma da salotto all’interno del quale gli spazi limitano – dunque fanno coesistere – i due opposti protagonisti; la recensione di Davide Minotti da Venezia 69...

Venezia 69 – Concorso – E’ stato il figlio di Daniele Ciprì (Italia, 2012)

Una certa critica "militante", dal mio punto di vista nel senso di una scarsa permeabilità un po' autistica rispetto allo schema "militare" imparato a memoria nelle scuolette di cinema, ha già decretato al nuovo film di Daniele Ciprì una morte prematura nelle paludi della maniera. Adesso che nel cinema del regista / direttore della fotografia Palermitano non c'è più qualcuno che si incula un asino, improvvisamente lo sguardo deve per forza diventare simbolico, posturale, "uno schermo grottesco" sovrapposto al "cinema". Eppure "è stato il figlio" è ancora un deturnante innesto di semi mostruosi, un cinema ancora cannibale; la recensione...

Venezia 69 – Concorso – At any price di Ramin Bahrani

At Any price è Il primo film di Ramin Bahrani realizzato in un contesto diverso dalla prassi produttiva indipendente eppure si ha la sensazione che il rigore del cineasta di origini Iraniane nel cogliere l'ambiguità del reale sia rimasto invariato in quella sottile capacità di utilizzare il fuori campo come un sistema causale che preme sulle immagini, Venezia 69, in concorso, la recensione...

Venzia 69 – Concorso – Paradies: Glaube di Ulrich Seidl (Austria/Germania/Francia, 2012)

Secondo capitolo della trilogia Paradies di Ulrich Seidl: un lavoro massivo che racchiude ottanta ore di girato e ha richiesto quattro anni di lavoro; una trilogia che il regista Austriaco vorrebbe rendere un’unica intensa opera, nonostante la suddivisione episodica doni ai singoli capitoli un’innegabile, coesa autonomia; in Glaube Seidl cita programmaticamente se stesso, una sistematicità che rischia di svorastare l'istintività a cui ha sempre aspirato, la recensione di Davide Minotti da Venezia 69...

HOME VIDEO

I 400 Colpi di François Truffaut, il combo Blu Ray+ DVD: unboxing

"i 400 colpi" di François Truffaut per la prima volta in Blu Ray, in una versione doppio disco (Blu Ray + DVD). Il nostro video unboxing

Fulci For Fake di Simone Scafidi, il Blu Ray Box: Unboxing

Fulci For Fake, il doppio Blu Ray del film di Simone Scafidi dedicato al grande regista romano. Più di tre ore di contenuti speciali che approfondiscono il lavoro di documentazione fatto dal regista e dai suoi collaboratori. Video unboxing e contenuti extra in dettaglio

Death Race La Trilogia in Blu Ray: unboxing

Midnight Factory pubblica "Death Race La Trilogia" Boxset di tre blu ray con la saga della più pericolosa competizione automobilistica del cinema action. La recensione del cofanetto e il video unboxing

The Sentinel, l’horror di Michael Winner: il video unboxing

The Sentinel, il capolavoro horror di Michael Winner è ancora disponibile nella versione limitata a 1.000 copie pubblicata recentemente da Midnight Factory. Per riscoprire un film che ha ispirato anche un regista come Lucio Fulci, guarda il nostro dettagliato video unboxing