venerdì, Luglio 12, 2024

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Esperto di Storia del Videoclip, si è occupato e si occupa di Podcast sin dagli albori del formato. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato per 20 anni di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi
Advertismentspot_img

Aftersun di Charlotte Wells: recensione

Aftersun è uno dei film inglesi più belli e profondi degli ultimi anni. Charlotte Wells ricerca l'immagine del padre attraverso lo scarto tra ricordo ed evento: amare come mancanza incolmabile.

Les gens d’à côté di André Téchiné: recensione, Berlinale 74

Téchiné azzera lo stile, lo avvicina alle forme funzionali della documentazione, scompare dietro una tenda insieme al personaggio interpretato da Isabelle Huppert e mostra la sostanza di tutte le relazioni come impossibile attraversamento di una soglia. Sull'amore fantasma o i fantasmi d'amore: Les gens d'à côté, visto a Berlino 74 nella sezione Panorama

Intercepted di Oksana Karpovych: recensione – Berlinale 74

Visto nella sezione Forum della Berlinale, il film di Oksana Karpovych mette insieme le intercettazioni fatte dai servizi segreti ucraini tra marzo e novembre 2022. Le telefonate sono quelle dei soldati russi alle madri e alle mogli. Le immagini quelle di un paese struprato.

Comme le feu di Philippe Lesage: recensione, Berlinale 74 – Generation

Philippe Lesage, uno degli autori francofoni più interessanti in circolazione, capace di mettere scena racconti di formazione drammaticamente interrotti e compromessi dalla crudeltà della realtà sociale mondana, come costrutto culturale e sociale, è in concorso a Berlino nella sezione Generation con il suo nuovo film. Ancora una volta, Comme le feu, colloca lo sguardo adulto contro quello adolescente

Every you every me di Michael Fetter Nathansky: recensione, Berlinale 74

Le eccedenze del sentimento amoroso nell'opera prima di Michael Fetter Nathansky, presentata alla Berlinale 2024. Tra due percezioni opposte, l'affievolirsi di una condizione emergenziale rischia di trasformare la conoscenza più profonda in estraneità. Visto nella sezione Panorama

La sala professori di Ilker Çatak: la recensione in anteprima

"La sala professori" è il film di Ilker Çatak candidato agli Oscar come miglior film straniero e distribuito nelle sale italiane da Lucky Red a partire dal 29 Febbraio. Leonie Benesch interpreta la professoressa Nowak, insegnante fresca di laurea che deve affrontare una dura realtà scolastica tra bullismo, abusi di potere e un sistema che collassa su se stesso. Leggi la recensione in anteprima su indie-eye Cinema

A mon seul désir di Lucie Borleateau: recensione

Racconto promiscuo di formazione erotica, A mon seul désir è il nuovo film della francese Lucie Borleateau. Lo strip club, campo minato dal dibattito femminista, diventa luogo di consapevolezza. Il fuoco è quello del proprio piacere. Visto e visionabile online per la nuova edizione di MyFrench Film Festival 2024.

Darwin’s Smile. Isabella Rossellini al Teatro Della Pergola: recensione

Darwin's Smile, un formidabile strumento di comprensione del reale polimorfo che ci include. Isabella Rossellini in scena a Firenze, al Teatro Della Pergola, fino al 28 Gennaio. La recensione dello spettacolo

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Esperto di Storia del Videoclip, si è occupato e si occupa di Podcast sin dagli albori del formato. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato per 20 anni di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi
spot_img