martedì, Gennaio 26, 2021

Andrej Tarkovskij. Il cinema come preghiera. L’intervista al regista Andrej A. Tarkovskij: ascolta il podcast audio

L’INTERVISTA AD ANDREJ A. TARKOVSKIJ: ASCOLTA IL PODCAST AUDIO SU MIXCLOUD

 

L’opera e la vita di Andrej Tarkovskij fiorisce di nuovo nel film del figlio Andrej Andreevich Tarkovskij attraverso un lavoro che supera i limiti consueti del documentario di montaggio. “Andrej Tarkovskij. Il cinema come preghiera” viene realizzato attraverso una selezione tratta dell’amplissima collezione di materiali raccolta dall’Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij, con uno spirito combinatorio che non è semplice omaggio, ma ricerca delle proprie radici in quella dimensione che interroga il trascendente, a partire dalle tracce del tempo. Le parole del grande regista russo fanno emergere quel dialogo con il padre e poeta Arsenij Aleksandrovič Tarkovskij il cui spirito e la cui visione hanno attraversato in modo sottile tutta la sua filmografia.

Nascono nuove connessioni e una visione spirituale che eccede i confini della ricerca filologica. Tra rare registrazioni audio, inediti filmati in 8mm girati da Aleksej Naidenov e Franco Terilli le voci di Andrej e di Arsenij evocano, anticipano e offrono nuove possibilità del senso alle immagini de “L’infanzia di Ivan”, “Andrej Rublev”, “Solaris”, “Lo Specchio”, “Stalker”, “Nostalghia” e “Sacrificio”.

“Il cinema come preghiera” è anche un film sulla persistenza dei luoghi nel solco della memoria, in quel passaggio che si manifesta tra visibile e invisibile. 

Prima dell’uscita in sala del film, prevista per il prossimo 20 Gennaio nelle sale italiane grazie alla distribuzione Lab 80, abbiamo incontrato il regista Andrej A. Tarkovskij nella casa fiorentina che fu dimora del padre, durante l’ultimo periodo della sua vita.

Il podcast qui incorporato, è una lunga conversazione insieme ad Andrej Andreevich Tarkovskij sulla genesi del film, sulle scelte estetiche ed emotive, sul dialogo infinito tra padre e figlio.

Un ringraziamento speciale ad Andrej A. Tarkovskij che ci ha accolto con grande disponibilità e generosità e a Roberta Zampini, che molti anni fa mi ha consentito di guardare il cinema del grande cineasta russo, con sguardo libero. 

La pagina ufficiale dell’Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij

Andrej Tarkovskij. Il cinema come preghiera, la pagina del film di Andrej A. Tarkovskij sul sito della distribuzione Lab 80

Tutti i podcast di Indie-eye.it sono possibili grazie a Zoom Italia.

La presente intervista è stata realizzata con i seguenti mezzi

  • Registratore digitale Zoom H6
  • Cavo di prolunga per capsule microfoniche ECM-6
  • Microfono bidirezionale MSH-6
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Montelupo Fiorentino Film Festival 2020, fino al 14 Febbraio su Tele Iride

Mentre è già pronto il bando per l'edizione 2021, quella 2020 del Montelupo Film Festival è in onda fino a Febbraio sull'emittente mugellana Tele Iride. Una scelta interessante, legata all'evento unico del broadcasting. Ce ne parla il fondatore del festival Lorenzo Ciani

Moving On di Yoon Dan-Bi: recensione

Il piccolo Dongju e la sorella adolescente Okju vanno a vivere nella casa del vecchio nonno insieme al padre, dopo la separazione dalla moglie. Primo film per la regista coreana Yoon Dan-Bi, racconto di perdita e di formazione visto al Torino Film Festival 2020

Lucky di Natasha Kermani: recensione

Natasha Kermani dirige Lucky, thriller che circoscrive l'aggressione contro una donna all'interno della propria casa. Nessuno prende la cosa sul serio e la grave minaccia mette in crisi certezze e razionalità. Visto al Torino Film Festival 2020

ECONTENT AWARD 2015