mercoledì, Ottobre 21, 2020

Dancing Mary di Sabu: recensione

Dancing Mary, la nuova storia di fantasmi diretta da Sabu. Visto al Bucheon International Fantastic Film Festival, la recensione su indie-eye cinema

Hiroyuki Tanaka, meglio conosciuto come Sabu, continua a dirci che l’unica spiritualità accessibile è quella individuale. Fa sorridere allora che si continui a parlare di “misticismo”, attribuendogli una visione olistica, quando i personaggi dei suoi film abitano mondi dall’immanenza spesso inconciliabile e il cui cortocircuito è prima di tutto semantico. 

Dancing Mary veicola una commistione di generi e registri che non è assolutamente nuova nel cinema del regista giapponese, ma che riuscita o meno, preserva la coerenza di un discorso capace di sfruttare la contaminazione pop, per raccontare la coazione a ripetere della miseria umana, condizione che rende le figure dei suoi film basiche, controverse e attraversate da una poetica disperata. 


Un vecchio Dancing Hall dismesso è prossimo alla demolizione. Kenji, funzionario comunale interpretato da NAOTO, viene incaricato di supervisionare e portare a termine la morte definitiva dell’edificio, ma ciò che ha scoraggiato i suoi predecessori non è un ostacolo comune. Mary, il fantasma di una donna, occupa il palazzo e impedisce a chiunque si avvicini di minarne le fondamenta. 

Solo l’intercessione di una giovane medium (Aina Yamada) può consentire la comunicazione con il suo mondo e la visione dello stesso da parte di Kenji. Quando la medium gli prende la mano, il giovane funzionario può attraversare con lei la dimensione compresente della morte e conoscere creature altrimenti invisibili. 


Mentre la coppia esplora il mondo dei morti sulla terra, Sabu si serve dell’espediente semplicissimo di virare il film in bianco e nero, sterzando dalle parti di una bislacca commedia umana che ha più di un punto di contatto con il notevole “Miss Zombie“. Con loro la foto di Johnny, ottenuta da Mary. L’amato musicista Hillybilly atteso invano in vita, si nasconde tra i recessi di questo inferno terreno e per trovarlo bisogna chiedere ai morti.

Al di là dell’espediente che parodizza un topos ricorrente lungo la storia del cinema giapponese di genere, Sabu è interessato a mostrarci una galleria di personaggi sul bordo, costretti a ripetere azioni meccaniche, incagliati nel simulacro dei loro desideri o nella proiezione infinita di colpe mai espiate. 

Senza tetto, dropout, un manipolo di gangster sgangherati, il fiero “Mille tagli”, Yakuza del periodo Edo, costretto a vagare con una gragnuola di pugnali, quelli che l’hanno trafitto durante un tradimento collettivo. Ed infine Johnny e Mary, non così distanti dai due eroi romantici raccontati dal pop di Robert Palmer, costretti a girare su se stessi senza requie, prolungando un’attesa che non si è mai interrotta.

Eppure anelano alla vita più dei vivi, per i quali le funzioni economiche sostituiscono e annientano gli spazi destinati alla produzione di illusioni. 
Chi ancora è capace di vedere, oltre i visionari, sono le due anziane signore ricoverate come malate terminali di cancro. A cavallo tra la vita e la morte, individuano in Kenji lo stallo di un’esistenza ordinaria, la stessa che attanaglia il popolo giapponese nell’espletamento dei propri doveri. 


Il fantasma allora, nella relazione con le occasioni perdute, innesca quell’anelito verso il desiderio che è alla base della sua stessa messa in scena. Eccedenza tra le luci del Dancing Hall e il suo buio eterno, occupa gli spazi architettonici come le evanescenze di “Goodbye Dragon Inn” nella sala cinematografica del film di Tsai Ming Liang. In questo avvitamento tra reale e immaginario, protegge dall’oscenità del reale, ma spalanca anche una porta per comprenderlo. L’occasione perduta, puro oggetto del desiderio, è quindi un luogo vuoto, che per le figure sul limite del cinema di Sabu è investito dalla necessità costante della fuga come tentativo impossibile di otturarlo.


Ecco che Kenji, rispetto a Mary, è fantasma di se stesso, costretto a vagare nello squallore mercantile del mondo reale a causa di una totale rimozione dell’elemento simbolico che gli consentirebbe di interpretarlo. 


Non è un caso che Sabu affidi alle due anziane malate terminali il compito di annodare i registri dell’esperienza. 


Eppure mentre la sostanza evanescente del fantasma si dissolve definitivamente quando domanda e soddisfazione vengono a coincidere, Kenji continua a rifiutare il “dono” di poter entrare in connessione con una cornice temporale diversa, interpretandolo come una vera e propria minaccia al proprio statuto. 


Sabu ancora una volta, sbarazzatosi di tutti i legami con la trascendenza, solleva lo sguardo su una strada lanciata a perdita d’occhio, dove Kenji e la giovane medium si allontanano nell’atto della fuga, come tutti i personaggi immaginati dal regista Giapponese.
Incarnano quello spazio ambiguo tra fugueur e flaneur, dove compulsione e osservazione, perdersi nel mondo e fuggirlo, si scambiano di posizione senza requie.

Dancing Mary (Giappone, 2019 – 95 min)
Interpreti: NAOTO Yamada Aina Ishibashi Ryo

Regia: Sabu
Sceneggiatura: Sabu
Montaggio: Sabu
Fotografia: Yanagida Hiroo
Musica: Matsumoto Junichi Iwamaru Hisashi



Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Glocal Film Festival: call aperte

Come da tradizione, il lancio dei bandi delle sezioni competitive Panoramica Doc e Spazio Piemonte per la 20a edizione del Glocal Film Festival, che si terrà dall’11 al 15 marzo 2021 al Cinema Massimo-MNC, si sposa con una serata dal respiro internazionale: la tappa torinese del Manhattan Short Film Festival.

CinemAmbiente: l’anteprima di Rebuilding Paradise di Ron Howard

Spostato a causa dell’emergenza sanitaria dal tradizionale periodo tardo-primaverile a quello autunnale, il Festival, organizzato dal Museo Nazionale del Cinema e diretto da Gaetano Capizzi, si svolgerà a Torino dal 1° al 4 ottobre

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

ECONTENT AWARD 2015