Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Gennaio 19th, 2011
Berlinale 2011, tutti i film della sezione Panorama 2011

Di

Ad un giorno dall’annuncio sul programma ufficiale della Berlinale 61 ecco il programma completo della sezione Panorama; saranno presenti  Il cineasta Israeliano Michal Aviad che si interroga sulle ferite dell’interminabile conflitto tra Israele e Palestina nel suo Lo Roim Alaich (Invisible),  Céline Sciamma porta a Berlino il suo ultimo Tomboy racconto di formazione di un ragazzo che cresce nel corpo di una ragazza; il debutto della regista tedesca Sabine Bernardi con  Romeos; Dernier étage gauche gauche (Top Floor Left Wing) di Angelo Cianci, una presenza quasi costante nella sezione Panorama come quella del greco Constantine Giannaris con il suo Man At Sea; Icíar Bollaín con También la lluvia (Even the Rain); Amador è il film su un clandestino del sud america diretto dal regista spagnolo Fernando León De Aranoa, presente nella sezione panorama nel 1997 e che aveva contribuito al progetto Invisibles prodotto da Javier Bardem nel 2007;   Vampire è la produzione americana del grande regista giapponese Iwai Shunji che proprio nel 2002 a Berlino aveva portato uno dei suoi capolavori, All About Lily Chou Chou;  l’opera prima dell’argentino Gustavo Taretto, Medianeras si concentra sulla dipendenza da Internet e il tentativo di un ragazzo di tornare alla sua vita “reale” lasciandosi alle spalle quella virtuale; altro debutto quello di Jan Gassmann con OFFBEAT, su una comunità di rapper svizzeri, Ridley e Tony Scott come produttori di Life In A Day, film sul linguaggio dei nuovi social media diretto da Kevin MacDonald; progetto noto ai frequentatori della rete, veicolato inizialmente su youtube, seleziona migliaia di contributi digitali inviati dagli utenti della comunità digitale, il cineasta Inglese rivela un caleidoscopio di mondi parallei mai visti sino ad ora, sempre relativamente alle nuove tecnologie, The Mortician del regista Britannico Gareth Maxwell Roberts, tra 3D e un nuovo approccio al mezzo in termini di illuminazione, design, visione del set e soprattutto, montaggio. Tre film dall’India nella sezione Panorama 2011, Vishal Bhardwaj, 7 Khoon Maaf (7 Sins Forgiven) e il debutto di Q con il suo Gandu (Asshole). Il cineasta inglese Phil Cox guarda anch’esso all’India con il suo film sulla città di Calcutta intitolato The Bengali Detective, film che racconta il lato oscuro della metropoli con una manciata di Detective Privati che si sostituiscono alla giustizia, perchè non è più possibile fidarsi della Polizia locale.

Ecco tutti i titoli dettagliati della sezione Panorama della Berlinale 2011

7 Khoon Maaf (7 Sins Forgiven) di Vishal Bhardwaj, prima mondiale, Panorama Special

Amador di Fernando León De Aranoa; Panorama Special

Byakuyakou (Into the White Night) di Yoshihiro Fukagawa, Panorama, selezione ufficiale

Dernier étage gauche gauche (Top Floor Left Wing) di Angelo Cianci; Panorama selezione ufficiale

Gandu (Asshole) di  Kaushik Mukherjee (Q), Panorama, Selezione Ufficiale

Here di Braden King, Panorama Selezione Ufficiale

Life In A Day di Kevin MacDonald, Panorama Special

Lo Roim Alaich (Invisible) di Michal Aviad, Panorama selezione ufficiale

Man At Sea di Constantine Giannaris, Panorama Special

Medianeras di  Gustavo Taretto, Panorama Special

OFFBEAT di Jan Gassmann, selezione ufficiale

Qualunquemente di Giulio Manfredonia, Selezione Ufficiale

Romeos di Sabine Bernardi, Selezione Ufficiale

Sala samobójców (Suicide Room) di  Jan Komasa, Panorama Special

También la lluvia (Even The Rain) di Icíar Bollaín, Selezione Ufficiale

The Mortician di Gareth Maxwell Roberts, Selezione Ufficiale

Tomboy di Céline Sciamma, Selezione Ufficiale

Vampire di Iwai Shunji, selezione ufficiale
Eventi speciali

Porno Melodrama di Romualdas Zabarauskas,

Spring di Hong Khaou