mercoledì, Ottobre 28, 2020

Venezia 65 – Rachel Getting Married – di Jonathan Demme – In concorso

Quando Tunde Adebimpe attacca la sua versione intima di Unknown Legend, uno dei brani più belli di Neil Young scritto per Harvest Moon si ha la sensazione che il cinema di Demme sia un emozionante oscillare tra vicinanza ed estraneità, la stessa intrusione della soggettiva che scompagina tutti i piani narrativi nel cammino di Jodie Foster verso la camera ardente, in una sequenza notissima di Silence of The Lambs dove la morte è mostrata come un viaggio entro un anello temporale.

Il ritorno ai meccanismi della finzione per Demme trovano in Rachel Getting Married la libertà che aspettavamo dal suo cinema in un continuo entrare e uscire dal corpo della famiglia americana con la moltiplicazione del punto di vista documentario e l’immagine della memoria che scaturisce da gesti, azioni, volti; tra la forma apparentemente classica dell’Eastwood degli ultimi anni e questo allievo di Corman che si affida alla performance, c’è a mio avviso il sentiero di tutto quel cinema americano che piaceva certamente alla Nouvelle Vague e che si traduce in una capacità potentissima di affidare ai segni, ai movimenti minimi, alla forza dell’azione, tutto un universo complesso di possibilità interpretative.

Ma del citazionismo di The Truth about charlie, pietra tombale cinica (e cinicamente Cormaniana) su tutta la “scolarizzazione” citazionista delle nuove onde qui non rimane niente; Rachel Getting Married è un film potente e fisico come non se ne vedevano da anni nel cinema Americano; Demme, coadiuvato dalla splendida fotografia di Declan Quinn, tra video, televisione e formati ridotti, sta incollato agli attori e ai loro sentimenti come un entomologo, scatenando una splendida Anne Hataway nell’immagine commovente della (nostra) schizofrenia affettiva e servendosi della forza contradditoria di un home movie capace di cogliere ciò che non vorremmo rivedere o semplicemente riconoscere.

La scrittura di di Jenny Lumet, figlia del noto  regista Americano, si muove entro il recinto di dialoghi fulminei, parole gettate come sassi e raccolte dallo sguardo di Demme come segni; è il matrimonio quì che diventa luogo di produzione dell’immaginario familiare, sospeso com’è in quell’eccezione del tempo che contrae tutti i ricordi, i tempi e le storie di un nucleo di persone.

Demme lo scompone con una prospettiva a 360 gradi disseminando il set di videocamere amatoriali, macchine fotografiche, dispositivi dello scrutare festivo che rivelano l’impossibilità del punto di vista nel documentare la forma tenera e vile dei sentimenti. Nella gemmazione degli schermi solo la performance può bucare l’occhio e restituire un momento non soggetto all’alterazione dello sguardo.

È noto come Demme abbia scelto di non utilizzare musica extradiegetica per Rachel Getting Married, sfruttando l’epifania di un suono sempre presente che viene colto nel suo farsi e staccato d’improvviso dallo sfondo performativo come se diventasse un prolungamento della visione dei personaggi; se dovessimo ribadire una banalità che non sembra chiara a molti registi italiani che insistono sul dispositivo realistico come se fosse una postura, non è importante cosa sto guardando.

Rachel Getting Married è attraversato da un ennesimo sguardo sull’esterno/interno di un gruppo di Ordinary People ma entra dentro una delle tante case-set come se agisse con una sonda sul corpo dell’immaginario telepresente del cinema americano contemporaneo che si è ormai allocato, anche in modo fecondo e creativo, sulle produzioni televisive; ancora, ribadiamo, non è importante cosa stiamo guardando.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Innsbruck celebra il cinema italiano con la quinta edizione del suo Festival

Il Festival del Cinema italiano a Innsbruck giunge alla quinta edizione. Solo cinema italiano dall'8 al 10 novembre 2020. Tra gli ospiti, Giacomo Campiotti e Hermann Weiskopf

Trieste Science+Fiction Festival, dal vivo e online

Il più importante festival italiano dedicato alla fantascienza, in programma dal 29 ottobre al 3 novembre dal vivo a Trieste, debutta per la prima volta anche online nella sala virtuale di MYmovies. La manifestazione triestina porta anche sul web il meglio della fantascienza 2020 con anteprime e prime visioni in esclusiva: una selezione composta da 19 film, documentari scientifici, una serie televisiva coreana

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Helene di Antti J. Jokinen: recensione

Helene Schjerfbeck, straordinaria e durissima pittrice finlandese che anticipa le suggestioni del modernismo, nel nuovo film di Antti J. Jokinen, presentato recentemente ai festival IFF Love & Anarchy e Shanghai International Film Festival

Lucca Film Festival 2020, concorso cortometraggi: terza giornata

Terra, identità, resilienza. Tra luogo e non luogo, i sei bellissimi corti italiani del Lucca Film Festival, nella terza giornata del concorso cortometraggi curato da Rachele Pollastrini

ECONTENT AWARD 2015