sabato, Settembre 19, 2020

Venezia 68 – Fuori Concorso – Il Villaggio di Cartone di Ermanno Olmi (Italia, 2011)

E’ una “prova d’orchestra” senza i suonatori e prima della fine dei tempi quella de Il villaggio di Cartone, l’ultimo film di Ermanno Olmi presentato fuori concorso a Venezia 68; opera chiusa nelle stanze di una chiesa in via di smantellamento; luogo sottoposto ad una sistematica desacralizzazione, mentre Michael Lonsdale, l’anziano sacerdote che ha assimilato la sua vita a quell’edificio, cerca di aggrapparsi all’altare, si ribella alla deposizione forzata della croce calata dal soffitto, fa morire in gola un kyrie come fosse un rantolo. Fuori, echi di una guerra civile e un gruppo di migranti che troverà rifugio nei seminterrati della canonica, fino a improvvisare una tendopoli all’interno della chiesa stessa. Lo sguardo di Olmi, come il tempo, si è fermato, ed è il risultato di un dissidio doloroso sulla fede, un dialogo intimo e incessante che ha attraversato parte dei suoi ultimi film con una visione del mondo e del sacro non riconciliata. Sembra che l’unico fuori campo possibile sia quello di un caos invisibile che spacca d’improvviso la vetrata del rosone, punta luci minacciose sulla porta d’ingresso, atterrisce con spari lontani; oppure l’immagine vitrea, imprigionata in una falda di tempo ripetuta, trasmessa da un vecchio catodo e che rimanda continuamente le immagini di una spiaggia deserta, con le onde del mare che trasportano un quaderno, un nuovo verbo che troveremo in seguito tra le mani di uno dei migranti, una nuova parola in lingua araba, che può farsi carne solo attraverso una diversa concezione di quello spazio. Se questa interiorizzazione ormai irreversibile del cinema di Olmi appare, nella sua disperazione, come un vero e proprio congelamento del tempo all’interno di un set gravido di simboli e di dialoghi che per certi versi rimandano alla scuola di Diego Fabbri (la collaborazione di Olmi con Gianfranco Ravasi, si fa sentire), il cinema del grande regista Bergamasco riesce ancora a creare uno spazio immaginario potente, nel rigore arcaico con cui si avvicina ad ogni singolo gesto, ad ogni elemento della scenografia, ai segni di un cinema che abbiamo dimenticato.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

A Taormina il Nations Award – Premio Cinematografico delle Nazioni

Nations Award - Premio Cinematografico delle Nazioni il 19 settembre a Taormina, tra i premiati: Jean Sorel e Abel Ferrara

Matera Film Festival 2020: la prima edizione dal 24 settembre

24, 25 e 26 Settembre, i tre giorni del Matera Film Festival 2020, prima edizione.

ECONTENT AWARD 2015