venerdì, Ottobre 30, 2020

Babadook di Jennifer Kent: la recensione

The Babadook è un film che racchiude tutte le prerogative dell’horror, ma che le sfrutta per analizzare e raccontare il disagio e la solitudine di Amelia, una madre che si ritrova a dover crescere il figlio senza la presenza del marito, morto in un incidente proprio il giorno del parto.

Si sente l’eco di cupe atmosfere fiabesche nell’opera dell’australiana Jennifer Kent, con incursioni intertestuali esplicite ai cortometraggi di Méliès, in cui si materializza Babadook, l’uomo nero della misteriosa fiaba che arriva a tormentare madre e figlio, e all’episodio La goccia d’acqua di Mario Bava del film collettivo I tre volti della paura. Un film, quindi, che dichiara con queste citazioni il proprio riferimento estetico e narrativo. L’uomo nero assume infatti un’allegorica funzione. Le paure e i demoni della donna prendono forma in questa figura archetipo che tormenta l’esistenza del già fragile e imperfetto nucleo familiare.

Come nel film di Bava, di dichiarata radice trascendentalista alla Edgar Allan Poe, in cui i sensi di colpa e il rimorso si manifestano in forme mostruose e trascinano in spirali di follia, così anche in The Babadook le paure e l’impossibilità di seppellire il passato sfociano in un odio che si riversa come una macchia nera sulle vite della donna e dell’ingestibile e iperattivo figlio.

Le angosce sono incarnate dalla figura del male convenzionale, l’uomo misterioso e terribile, simbolo delle paure ataviche dell’essere umano, ma si esprimono anche con soluzioni che ricordano le weird tales di Stephen King e George Romero: l’invasione degli scarafaggi nelle sicura mura domestiche come emblema di ossessione e di impossibilità di protezione da un male che si genera dall’interno, come nell’ultimo episodio di Creepshow.

È una dimensione quindi soggettiva, ma che mette alla pari entrambi i punti di vista. Le paure e i malesseri accomunano madre e figlio, a causa dell’assenza di una figura paterna. Uno spazio nero nelle loro vite, che rischia però di diventare presenza mostruosa, ossessione e tormento senza fine.

L’unico modo per salvarsi è imparare a domare questo uomo nero interiore, relegarlo in cantina, letteralmente, e cercare di affrontare con coraggio e amore i problemi di ogni giorno.

Andrea Schiavone
Andrea Schiavone
Andrea Schiavone, appassionato di cinema ha deciso di intraprendere studi universitari in ambito cinematografico. Laureatosi in Arti e Scienze dello Spettacolo alla Sapienza di Roma ed attualmente studente magistrale in Cinema, Televisione e New Media alla IULM di Milano.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Innsbruck celebra il cinema italiano con la quinta edizione del suo Festival

Il Festival del Cinema italiano a Innsbruck giunge alla quinta edizione. Solo cinema italiano dall'8 al 10 novembre 2020. Tra gli ospiti, Giacomo Campiotti e Hermann Weiskopf

Trieste Science+Fiction Festival, dal vivo e online

Il più importante festival italiano dedicato alla fantascienza, in programma dal 29 ottobre al 3 novembre dal vivo a Trieste, debutta per la prima volta anche online nella sala virtuale di MYmovies. La manifestazione triestina porta anche sul web il meglio della fantascienza 2020 con anteprime e prime visioni in esclusiva: una selezione composta da 19 film, documentari scientifici, una serie televisiva coreana

Festa Del Cinema di Roma 2020 ai tempi del Covid-19

Festa del Cinema di Roma, quindicesima edizione profondamente segnata dalle regole di contenimento. Tutte le regole in base al nuovo Dcpm del 18 ottobre

Helene di Antti J. Jokinen: recensione

Helene Schjerfbeck, straordinaria e durissima pittrice finlandese che anticipa le suggestioni del modernismo, nel nuovo film di Antti J. Jokinen, presentato recentemente ai festival IFF Love & Anarchy e Shanghai International Film Festival

Lucca Film Festival 2020, concorso cortometraggi: terza giornata

Terra, identità, resilienza. Tra luogo e non luogo, i sei bellissimi corti italiani del Lucca Film Festival, nella terza giornata del concorso cortometraggi curato da Rachele Pollastrini

ECONTENT AWARD 2015