Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Cronache di guerra in costa d'avorio nel nuovo film di Philippe Lacôte girato ad Abidjan dopo la produzione di “Burn It Up Djassa” 

Di

Run sta scappando; dopo aver ucciso il primo ministro del suo paese, deve nascondersi, travestirsi da barbone e vagare per mesi tra le strade della sua città; veniamo a conoscenza della sua vita grazie ad alcuni flashback: la sua infanzia con il maestro Tourou, le sue avventure con Greedy Gladys e la sua milizia come giovane soldato nel conflitto militare e politico della costa d’avorio. Run non ha scelto queste vite, ci è sbattuto contro, scappando dall’una all’altra, per questo si chiama “Run”. Philippe Lacôte, originario della costa d’avorio, è attivo sin dal 1994 come regista di cortometraggi e numerosi documentari, “Run” è il suo primo film di finzione presentato a Cannes 2014 nella sezione “Un certain regard” e tratteggia un quadro preciso della crisi che ha attanagliato il suo paese a partire dai primi anni del nuovo millennio.

“l’ultimo conflitto in Costa d’avorio è costato 3.000 vite” dice Lacôte “Inizialmente ho cercato di affrontarlo con un documentario, proprio come testimonianza di dieci anni di crisi”

Un approccio iniziale che gli ha consentito di filmare i suoi vicini, i suoi amici, la classe operaia della suburbia di Abidjan, giorno dopo giorno, intervistando soldati che erano i supporter del presidente Laurent Gbagbo. Con Run “ho cercato di osservare un paese in piena crisi” ha aggiunto il regista “per cercare di fare un ritratto dei suoi ultimi venti anni attraverso un racconto di finzione, raccontando la sua storia e il suo territorio. Oggi la finzione mi sembra il sistema migliore per far luce sull’incubo dal quale ci siamo appena svegliati e che stiamo comprendendo solo ora in tutta la sua portata”

L’ispirazione per il film è venuta a Lacôte dopo il monumentale lavoro di documentazione, durato tre anni e intitolato “Chroniques de guerre en Côte d’Ivoire”. “Essere presente a Cannes” ha detto Philippe Lacôte in conferenza stampa “è importante e potrebbe andare nella direzione di ricostruire l’industria in Costa D’avorio”. “Run” è il secondo film diretto da Lacôte ad affrontare il problema, nel 2012 aveva prodotto e presentato a Toronto il film di Lonesome Solo “Burn It Up Djassa”, girato in 11 giorni e prodotto a basso budget, opera che ha preparato in un certo senso il terreno a “Run” per il setting ad Abidjan e anche per il rectuiting degli attori, tra cui Abdoul Karim Konate che interpreta proprio il ruolo di “Run”

Il film è prodotto dalla parigina Banshee Film e la Wassakara Prods di proprietà dello stesso Lacote, con una co-partecipazione produttiva di Arte.

Philippe Lacôte
Run
costa d'avorio, francia - 2014

Con Isaach De Bankolé, Alexandre Desane, Abdoul Karim Konaté, Rasmane Ouedraogo

 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi