venerdì, Agosto 14, 2020

30° Torino film Festival – Imogene di Robert Pulcini (Usa, 2012) – Festa Mobile

La coppia Shari Springer Berman e Robert Pulcini (American Splendor, Un perfetto gentiluomo, Il diario di una tata) arriva al TFF, sezione Festa mobile, con Imogene, slapstyck comedy già presentata in anteprima internazionale a Toronto 2012.
Il cast è ottimo. Annette Bening, sempre dinamica e frizzante, è la madre Zelda; Matt Dillon, agente paranoico e farneticante della CIA, ha una parte piccola ma l’humour sale parecchio; Christopher Fitzgerald, un Ralph inetto e maniacale, figlio e fratello obeso compulsivo/ossessivo quanto basta, è capace, con la sua collezione di paguri, di abbassare i toni a qualsiasi  virata melodrammatica del testo.
E poi c’è Darren Criss, attore, cantante, musicista e ballerino, qui membro di una boy band e aggancio sentimentale con la protagonista. Sicura carta vincente del film e atteso da milioni di fans, scattano gridolini isterici in sala ad ogni comparsa in scena.
Imogene Duncan è Kristen Wiig, l’eccezionale Annie delle crisi sentimental-esistenziali e delle piccole, grandi crudeltà di Bridesmaids. Stavolta non si tratta di damigelle ad un matrimonio condito di invidie e veleni, ma ci siamo vicini. C’è il milieu della Manhattan che conta, un fidanzato upper class che lei adora e che, purtroppo, ha deciso di mollarla, e c’è una madre un bel po’ fané, gran giocatrice di slot machine e tenuta a distanza di sicurezza da Imogene. Zelda, però, piomba a sorpresa da Atlantic City per recuperarla dopo il finto e inutile suicidio messo in scena ad uso e consumo dell’ex.
Ed è così che Imogene, scrittrice di talento e in procinto di carriera luminosa, si ritrova dalle feste del tout New York e dai vernissagea cui non si può assolutamente mancare!” in quel New Jersey dozzinale, con spiagge da turisti della domenica, da cui ha sempre fatto di tutto per scappar via.
Alla fine, però, dovrà riconoscere che si può guardare la vita con occhi diversi, e il New Jersey avrà per lei tesori nascosti che a New York non sognava neanche. Un happy end che non stona, benchè sappia di favola strana in mezzo all’indiavolato e caotico rincorrersi di colpi di scena e piccoli  e grandi disastri quotidiani.
E’ andato in onda, infatti, fra New York e Atlantic City, il consolidato repertorio delle nevrosi americane e metropolitane. La coppia Springer Berman/Pulcini coniuga l’America del disagio di Altman con quella delle gag a ritmo frenetico di Woody Allen, ciò che ne risulta è un mix di malinconia e allegria che scuote il grande freddo sentimentale, sempre  attivo, ma stavolta con un finale consolatorio.
Famiglie disfunzionali con padri spariti e recuperati fuori tempo massimo, giusto il tempo per capire che è stato meglio perderli che trovarli, madri svitate e sessualmente iperattive nonostante gli anni che, alla fine, si scoprono migliori dell’immagine che danno di sé, fratelli obesi e socialmente disadattati ma con trovate geniali capaci di risolvere i casi più estremi: con Imogene  va in scena la vita delle persone comuni e le piccole cose di pessimo gusto di tutti i giorni.
Humour
surreale e comicità  spontanea della vita reale vanno a braccetto in questa commedia che scorre leggera e con garbo, anche se l’ impianto drammaturgico è debole. Il profilo dell’americano medio che vuol tracciare è, infatti, schizzato con bei graffi, senza indulgenza e qualche buona linea, ma sembra a volte stereotipato, si ha il sospetto che il rincorrersi esilarante delle trovate stia coprendo uno spessore che manca. I fasti di American Splendor sono ancora da rinnovare, ma ci si diverte lo stesso, e tanto.

Paola Di Giuseppe
Paola Di Giuseppe
Paola di Giuseppe ha compiuto studi classici e si occupa di cinema scrivendo per questo e altri siti on line.

articoli simili

INDIE-EYE SU YOUTUBE

top news

Twin Peaks le tre stagioni complete in 16 Blu Ray: il video unboxing del cofanetto Universal

Twin Peaks, la serie televisiva completa. 3 stagioni per 16 Blu Ray. Il cofanetto Universal visto per voi con un unboxing video

Hedy Lamarr – La donna più straordinaria del mondo di William Roy e Sylvain Dorange: la recensione del volume BD

Hedy Lamarr, una donna in fuga dalla rappresentazione imposta del desiderio. Per i francesi William Roy e Sylvain Dorange, l'attrice di origini austriache che trovò il successo ad Hollywood combatte con-tro la propria immagine alla ricerca di un'identità forte e negata. La recensione del bel volume a fumetti pubblicato da Edizioni BD

Control di Anton Corbijn: recensione

Grazie a Movies inspired Control, il film di Anton Corbijn dedicato a Ian Curtis, torna nelle sale e nelle arene estive. La recensione