sabato, Luglio 31, 2021

Simone Buttazzi

Simone Buttazzi è nato a Bologna nel 1976 e ora vive in Germania. Si è laureato con una tesi sull’immagine-pulsione di Gilles Deleuze e le sue occorrenze cinematografiche. Dal 2002 lavora in campo editoriale come traduttore (dall’inglese e dal tedesco), redattore e consulente. In rete, oltre che su Indie-eye Network scrive per numerose testate di Cinema e Letteratura.
Advertismentspot_img

Una película de policías di Alonso Ruizpalacios: recensione

Un film anfibio che riscrive continuamente i confini del genere documentario. Orso d'argento per il montaggio di Yibrán Asuad. Visto in concorso alla Berlinale 71, evento estivo di Giugno.

Hygiène sociale di Denis Côté: recensione

Cinema e distanziamento sociale, Jane Austen e zombi. Uno scherzo bello finché corto. Sul nuovo film di Denis Côté visto nella sezione Encounters della Berlinale 71, evento estivo di giugno

Rengeteg – mindenhol látlak (Forest – I See You Everywhere) di Bence Fliegauf: recensione

Fliegauf realizza un sequel impossibile del suo lungometraggio d’esordio. Visto all'evento di Giugno della Berlinale 71

In un futuro aprile. Il giovane Pasolini di Francesco Costabile e Federico Savonitto: recensione

Un documentario delicato e vibrante sulla giovinezza di Pasolini. "In un futuro aprile" di Francesco Costabile e Federico Savonitto, la recensione

Siberia di Abel Ferrara nelle sale italiane: la recensione in anteprima

Siberia, il nuovo film di Abel Ferrara nelle sale italiane. La recensione in anteprima

Sheytan vojud nadarad (There Is No Evil) di Mohammad Rasoulof – Berlinale 70 – Concorso: recensione

Dopo Panahi, anche Rasoulof vince l’Orso d’oro in contumacia: il suo è un film solido, morale ma soprattutto politico.

Rizi (Days) di Tsai Ming-Liang – Berlinale 70 – Concorso: recensione

Quarantasei inquadrature e un malanno guarito con la vicinanza fisica segnano il ritorno alla classica forma film per Tsai & Kang. La realizzazione di Rizi sfiora il miracolo.

Simone Buttazzi

Simone Buttazzi è nato a Bologna nel 1976 e ora vive in Germania. Si è laureato con una tesi sull’immagine-pulsione di Gilles Deleuze e le sue occorrenze cinematografiche. Dal 2002 lavora in campo editoriale come traduttore (dall’inglese e dal tedesco), redattore e consulente. In rete, oltre che su Indie-eye Network scrive per numerose testate di Cinema e Letteratura.
spot_img