martedì, Dicembre 1, 2020

Veronica Canalini

Critica Cinematografica iscritta al SNCCI. Si anche classificata al secondo posto al concorso di critica cinematografica “Genere femminile: quando le donne criticano il cinema” indetto da Artemedia, oltre a scrivere di Cinema per Indie-eye, si è occupata di critica letteraria per il Corriere del Conero.

Miss Marx, una conversazione con Susanna Nicchiarelli

Un film deve spingerci a vivere il nostro presente in maniera ancora più autentica, più vera, e deve farlo attraverso la condivisione con gli altri, la discussione e la riflessione critica. Sono parole di Susanna Nicchiarelli, intervistata da Veronica Canalini per Indie-eye Cinema. Alla scoperta di "Miss Marx"

Un volto, due destini – I Know This Much Is True di Derek Cianfrance: recensione

Nel mondo analogico, poroso, in 35mm di I Know This Much Is True, Cianfrance realizza il miracolo del massimo dell’empatia, frapponendo al contempo una distanza demiurgica tra l’al di qua e l’al di là dello schermo che, forte di un importante apparato simbolico, non vanifica l’enorme investimento emotivo richiesto a chi guarda: un fiume in piena da cui bisogna avere il coraggio di lasciarsi attraversare. La rcensione della miniserie HBO diretta da Derek Cianfrance

Un genere di America: il viaggio permanente di Jim Jarmusch nel cinema

Le frontiere del cinema di Jim Jarmusch sono quelle tra la vita e morte dello spirito. Chissà cosa viene oltre il fiume infernale. Movies Inspired distribuisce in sala e nelle arene le versioni restaurate di alcuni film del regista americano. L'approfondimento di Veronica Canalini

Vulnerabili di Gilles Bourdos: recensione

Gilles Bourdos fa corrispondere all’eco interiore di personaggi invischiati in relazioni familiari problematiche il tono e le tonalità della messa in scena. Il doloroso senso di riconoscimento personale nella caduta collettiva si serve del pastiche come strumento linguistico per osservarla da una distanza critica. In sala e nelle arene estive grazie a Movies Inspired

Sopravvivere all’estate (Summer Survivors) di Marija Kavtaradze: recensione

L'esordio al lungometraggio della regista e sceneggiatrice Marija Kavtaradze

The operative – Sotto copertura di Yuval Adler: recensione

È un film per certi versi schizofrenico, questo nuovo di Adler, tra momenti contemplativi e scene adrenaliniche, ma coraggioso nel tentativo di sfruttare la quota di conflittualità insita nel contenitore-genere per estendersi orizzontalmente al dramma d’introspezione psicologica. Rachel Currin, donna sotto copertura, con tutte le implicazioni che comporta. Sulle principali piattaforme VOD

Il lago delle oche selvatiche di Diao Yinan: recensione

La riflessione sulla problematicità della società cinese in cui mafie e polizia giocano la partita con le stesse regole e l'unica legge che conta è quella dell'onore, Yinan la sviluppa tutta lavorando dunque sul livello del visivo, in un discorso che già da principio va oltre il contingente per farsi cinema puro.

A Quiet Place – Un posto tranquillo di John Krasinski: l’approfondimento

In "A Quiet Place" ciò che fa rumore fa paura. La recensione

Veronica Canalini

Critica Cinematografica iscritta al SNCCI. Si anche classificata al secondo posto al concorso di critica cinematografica “Genere femminile: quando le donne criticano il cinema” indetto da Artemedia, oltre a scrivere di Cinema per Indie-eye, si è occupata di critica letteraria per il Corriere del Conero.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

ECONTENT AWARD 2015