lunedì, Settembre 21, 2020

Veronica Canalini

Critica Cinematografica iscritta al SNCCI. Si anche classificata al secondo posto al concorso di critica cinematografica “Genere femminile: quando le donne criticano il cinema” indetto da Artemedia, oltre a scrivere di Cinema per Indie-eye, si è occupata di critica letteraria per il Corriere del Conero.

Un genere di America: il viaggio permanente di Jim Jarmusch nel cinema

Le frontiere del cinema di Jim Jarmusch sono quelle tra la vita e morte dello spirito. Chissà cosa viene oltre il fiume infernale. Movies Inspired distribuisce in sala e nelle arene le versioni restaurate di alcuni film del regista americano. L'approfondimento di Veronica Canalini

Vulnerabili di Gilles Bourdos: recensione

Gilles Bourdos fa corrispondere all’eco interiore di personaggi invischiati in relazioni familiari problematiche il tono e le tonalità della messa in scena. Il doloroso senso di riconoscimento personale nella caduta collettiva si serve del pastiche come strumento linguistico per osservarla da una distanza critica. In sala e nelle arene estive grazie a Movies Inspired

Sopravvivere all’estate (Summer Survivors) di Marija Kavtaradze: recensione

L'esordio al lungometraggio della regista e sceneggiatrice Marija Kavtaradze

The operative – Sotto copertura di Yuval Adler: recensione

È un film per certi versi schizofrenico, questo nuovo di Adler, tra momenti contemplativi e scene adrenaliniche, ma coraggioso nel tentativo di sfruttare la quota di conflittualità insita nel contenitore-genere per estendersi orizzontalmente al dramma d’introspezione psicologica. Rachel Currin, donna sotto copertura, con tutte le implicazioni che comporta. Sulle principali piattaforme VOD

Il lago delle oche selvatiche di Diao Yinan: recensione

La riflessione sulla problematicità della società cinese in cui mafie e polizia giocano la partita con le stesse regole e l'unica legge che conta è quella dell'onore, Yinan la sviluppa tutta lavorando dunque sul livello del visivo, in un discorso che già da principio va oltre il contingente per farsi cinema puro.

A Quiet Place – Un posto tranquillo di John Krasinski: l’approfondimento

In "A Quiet Place" ciò che fa rumore fa paura. La recensione

Honey Boy di Alma Har’el: recensione in anteprima

Frutto delle sedute di psicoterapia affrontate durante il periodo di rehab, questo Honey Boy nasce dalla stesura di un diario terapeutico per immagini del quale conserva tutto il potere catartico e traspone il valore indicativo che deve aver avuto per il suo autore: Shia LaBeouf. Al cinema dal 5 marzo distribuito da Adler Entertainment.

Il ladro di Giorni di Guido Lombardi: la recensione in anteprima

Paladino di un cinema classico che arrivi alla pancia del pubblico grazie alla forza del melodramma, "Il ladro di giorni" dimentica di curare il fattore cardine per la riuscita di un’esperienza di questo genere: a venir meno è su tutto la qualità di una scrittura che risulta invece scialba, melensa, sproporzionata. Il film di Guido Lombardi sarà in sala dal 6 Febbraio 2020

Veronica Canalini

Critica Cinematografica iscritta al SNCCI. Si anche classificata al secondo posto al concorso di critica cinematografica “Genere femminile: quando le donne criticano il cinema” indetto da Artemedia, oltre a scrivere di Cinema per Indie-eye, si è occupata di critica letteraria per il Corriere del Conero.

INDIE-EYE SU YOUTUBE

ECONTENT AWARD 2015