sabato, Settembre 26, 2020

Genius di Michael Grandage – Berlinale 66: concorso

Michael Grandage arriva alla sua prima regia cinematografica dopo una lunga esperienza come produttore teatrale per lavorare sulla storia biografica dell’editore Max Perkins e del rapporto lavorativo e umano con uno dei suoi clienti, Thomas Wolfe. Le capacità di Grandage come direttore artistico e produttore di oliatissime macchine teatrali si vede tutta, perché il film sostanzialmente punta alla performance dei singoli attori in una dimensione drammatizzata e percepibilmente “scritta”, fin dall’ingresso di Wolfe (Jude Law) nell’ufficio di Perkins con un incedere tanto tumultuoso e viscerale, quanto declamatorio, quasi fosse una traduzione plastica della sua prosa fluviale e oceanica costretta a ridursi nella forma gestibile, corretta ed editata da Perkins. In questo senso Grandage contrappone abilmente lo stile attoriale di Law e quello di Colin Firth delimitandoli in uno spazio performativo senza variazioni, attraverso una sorta di duello affettivo che si consuma nello scambio drammatico della parola, tra misura ed eccesso. Un’esemplificazione di questo metodo è nella sequenza che vede Wolfe confrontarsi con la moglie Aline Bernstein (Nicole Kidman) proprio sul palco di un teatro, mentre questa sta preparando un ritorno sulle scene a cui tiene molto. Invece dei corpi l’interesse di Grandage è per una codificazione teatrale dei volti a cui destina un’idea di cinema legata all’impiego normativo dei primi piani, dei close-up, dell’espressione affettiva caricata di senso visibile, e non certo generata dal gesto o dagli spazi vuoti tra un’immagine e l’altra.
Genius è quindi un film riempito dalla parola e da una sovra-recitazione certamente formidabile e godibile, ma che non si preoccupa minimanente di seguire la prosa delirante ed errabonda di Wolfe (ci sarebbe voluto forse Malick) per cominciare a guardare, trattenendo al contrario tutto quanto nella dinamica della scena madre, come ad esempio quella in cui Nicole Kidman esaspera il gesto di un potenziale suicidio o prima ancora, di una volontà distruttiva e auto-distruttiva, puntando un piccolo revolver su Perkins.
Oggetti, pagine, abitazioni vuote, viste da sopra la città e il parossismo di Wolfe nel dover sfruttare qualsiasi superficie disponibile per scrivere, vengono ridotti ad oggetti di scena, nella scena, invece di generare aperture e spaccature, rivoli che potevano esondare da un fiume in piena.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Advertisment

FESTIVAL

Careless Crime di Shahram Mokri: recensione

Dopo due film tanto simili sembrava che Mokri avesse trovato il proprio personalissimo sistema di fare cinema e che fosse intenzionato a portarlo ancora avanti. Careless Crime però è diverso, ma allontanandosene ricorre alla riflessione sul tempo e lo spazio per trasformarsi in una dichiarazione d’intenti. La recensione di Careless Crime

Ca’ Foscari Short Film Festival 2020: Un festival diffuso

Dario Argento, Pino Donaggio, Lorenzo Mattotti gli ospiti speciali del Ca' Foscari Short. Festival "diffuso" tra location fisiche e web

The Flood Won’t Come di Marat Sargsyan: recensione

The Flood Won't Come, una decostruzione dell'aura sacrale che circonda l'odore della guerra. Visto alla SIC di Venezia 77, la recensione

Lucca Film Festival 2020: un festival diffuso

Lucca Film Festival e Europa Cinema, dal 25 settembre al 4 ottobre a Lucca e Viareggio. I concorsi e gli eventi speciali. Tutti i dettagli

Amedeo Nazzari, ritratto d’attore: la mostra a Roma dal 21 Settembre

Amedeo Nazzari, ritratto d'attore. La mostra fotografica dedicata al grande interprete, dal 21 settembre al 18 ottobre alla Casa Del Cinema di Roma

ECONTENT AWARD 2015