Indie-eye – Cinema – Rivista di Critica Cinematografica

Le rivelazioni di Kevin Smith al Comic-on di New york sul suo prossimo film, Tusk, un horror delirante 

Di

Il Comic-con di New York è un luogo ormai frequentatissimo e un rilevatore di novità senza fondo, tanto che molte delle anticipazioni della nuova stagione, rivelazioni, smentite, nuovi progetti, brevi footage di anteprima, si svolgono all’interno dei vari contenitori della kermesse con grande attesa da parte dei fan. Kevin Smith si trova probabilmente a suo agio in un contesto del genere, considerata la sua propensione a strapazzare i media con dichiarazioni ad effetto, minacce di abbandonare la carriera cinematografica, nuovi progetti in fase di arresto e altri sulla rampa di lancio. Dopo il balletto di notizie intorno a Hit Somebody, il suo progetto a lungo desiderato sull’ambiente dell’Hockey e che sarà una mini serie, proprio al Comic-con ha annunciato che lo script di Clerks 3 è stato ultimato, ma ha smentito le dichiarazioni precedenti secondo le quali sarebbe stato il suo (ennesimo) ultimo film della carriera, semplicemente perchè la sua prossima produzione si chiamerà Tusk, storia ai limiti dell’assurdo dove un uomo precedentemente naufrago, si era trovato ad avere un tricheco come unico compagno. Per rivivere lo spirito di quell’amicizia metterà un annuncio per trovare un compagno di stanza che si vesta con un costume da tricheco e che per almeno due ore al giorno si comporti come un animale. L’ex naufrago dovrebbe essere interpretato da Michael Park (Red State) dopo un diniego da parte di Quentin Tarantino a cui era stato offerto il ruolo come prima opzione, mentre Justin Long interpreterà il tizio in costume. Il film comincia come una commedia per assumere presto i toni di un horror oscuro, simile all’atmosfera del suo notevole Red State, e secondo le parole dello stesso Smith, con un’impostazione che potrebbe ricordare il franchisee di Human Centipede. Le riprese del film cominceranno ad ottobre.