giovedì, Aprile 18, 2024

Marion Cotillard: Vorrei interpretare un uomo – Deux jours, une nuit dei Dardenne a Cannes 2014

Interpretato da una splendida Marion Cotillard il nuovo film dei fratelli Dardenne esplora le condizioni di una comunità di lavoratori Belgi attraverso le difficoltà di sopravvivenza. La Cotillard è Sandra, che tra depressione e Xanax, cerca di salvare il suo lavoro in una fabbrica di pannelli solari, attraverso due giorni durissimi; un bonus di 1.000 euro per i suoi colleghi è il piatto di lenticchie che gli imprenditori offrono perchè sia votato il licenziamento della donna. Interessi personali o empatia? I Dardenne indagano la vita di tutti i colleghi, ad uno a uno; “è un lavoro di ricerca” ha detto l’attrice Francese in conferenza stampa “Il comportamento fisico è una modalità attraverso la quale ci esprimiamo. Mi piacciono i ruoli complessi, quelli dove le persone devono ingaggiare una lotta per la loro sopravvivenza, scoprendo caratteristiche interiori che non erano mai emerse. Mi commuovono le persone che devono affrontare circostanze difficili; ho molto da imparare quando esploro l’anima di queste persone”

L’incontro tra la Cotillard e i due registi Belgi si è verificato per la prima volta sul set del film di Jacques Audiard in concorso a Cannes 2012, un sapore di ruggine e ossa “l’abbiamo incontrata per caso, mentre usciva da un ascensore e teneva in braccio la sua bambina” ha detto Luc Dardenne “Ne siamo stati conquistati immediatamente, mi sono guardato con mio fratello e le abbiamo detto, ci piacerebbe lavorare con te”

Paragonando il suo corpo a quello di una macchina la Cotillard ha detto che “dopo aver scoperto il mio ruolo dall’interno, è come se avessi le chiavi del personaggio ed è il personaggio che mi guida”

E questa attestazione di forza torna quando Marion racconta in sala stampa un suo desiderio: “Sono sempre stata affascinata dalla possibilità di interpretare un uomo. Mi sembra impossibile per me, per questo mi eccita e mi stimola, vorrei davvero farlo”

 

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. È un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Esperto di Storia del Videoclip, si è occupato e si occupa di Podcast sin dagli albori del formato. Scrive anche di musica e colonne sonore. Si è occupato per 20 anni di formazione. Ha pubblicato volumi su cinema e new media. Produce audiovisivi

ARTICOLI SIMILI

CINEMA UCRAINO

Cinema Ucrainospot_img

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Indie-eye Su Youtubespot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img