mercoledì, Aprile 24, 2024

Due Cuori e una Provetta di Josh Gordon e Will Speck (The Switch, USA 2010)

La Mandate Pictures è una giovane casa di produzione di Santa Monica che negli ultimi anni ha saputo ritagliarsi l’immagine di satellite di Hollywood, fluttuante a metà strada tra i grandi studios che producono l’offerta cinematografica di massa e quella galassia commerciale indipendente che ha la sua istituzione più riconoscibile nel Sundance Festival. Una sorta di alternativa edulcorata all’alternativa, che ha dato vita a progetti estremamente interessanti nell’Horror (The Strangers e, soprattutto, l’ultimo Raimi) ma che si è specializzata nella produzione di commedie, molte delle quali fortunate e apprezzate da buona parte della critica, (Juno, Vero come la finzione, Nick & Norah Infinite Playlist, Whip It!) che introducevano marche tematiche e stilistiche inconsuete nel cinema di cassetta, cavalcando il fenomeno di affioramento modaiolo di un universo estetico indie. Quest’ultimo Due Cuori e Una Provetta realizza il tentativo di inserire temi come quelli della maternità single e dell’inseminazione artificiale in un genere ultracanonico (la commedia sentimentale), un po’ come in Juno si imperniava una teen comedy scanzonata attorno agli interrogativi sollevati da una gravidanza adolescenziale. Kassie comunica al suo miglior amico Wally, cinico, ipocondriaco e segretamente innamorato di lei, di aver deciso di avere un figlio utilizzando il seme di un donatore, che verrà individuato più avanti in un prestante e belloccio professore di letteratura femminista.  La delusione di non essere l’uomo della vita di Kassie, unita ad una sbronza colossale, portano Wally a sostituire il contenuto della provetta con la propria donazione personale. Quando, dopo  essere andata a vivere in campagna, Kassie tornerà in città con un bimbo di sette anni, Wally dovrà fare i conti con le conseguenze di una bravata di cui si è completamente dimenticato. Ma il film, affidato ai registi della commedia demenziale Blades of Glory, si rivela sorprendentemente timido e inconsistente nell’approfondire, anche appena sotto la superficie, le tematiche sollevate dal soggetto, senza per altro risultare graffiante o inventivo nei suoi intenti comici. La dimensione cronologica, scandita attraverso lo sfrenato abuso dell’effetto time lapse à la Godfrey Reggio (strade che brulicano di automobili in fast forward e così via), non scalfisce di una virgola la caratterizzazione dei protagonisti ma diventa puramente funzionale all’introduzione del bambino, ipocondriaco e pedante quanto il padre naturale, quale elemento generatore di situazioni comiche o di tenerezza plastificata, come nella peggior tradizione hollywoodiana.  Il presunto “garbo” diventa sbadata approssimazione e lo stesso presupposto che Wally abbia distrattamente ignorato per  diversi anni la stupidaggine commessa rivela l’artificiosità nel trattamento della vicenda. Persino le problematiche amorose sembrano affrontate senza convinzione, appiattendo il personaggio della Aniston a semplice aspirazione sentimentale per il protagonista e peggiorando ulteriormente le cose nel finale con una risoluzione posticcia, improbabile e frettolosa (e , ancora una volta, insopportabilmente giustificata con un time lapse). Due Cuori e Una Provetta, per come allunga il brodo attorno ad uno spunto iniziale potenzialmente interessante, finisce per essere una pellicola fastidiosamente insignificante.

Alfonso Mastrantonio
Alfonso Mastrantonio
Alfonso Mastrantonio, prodotto dell'annata '85, scrive di cinema sul web dai tempi dei modem 56k. Nella vita si è messo in testa di fare cose che gli piacciano, quindi si è laureato in Linguaggi dei Media, specializzato in Cinema e crede ancora di poterci tirare fuori un lavoro. Vive a Milano, si occupa di nuovi media e, finchè lo fanno entrare, frequenta selezioni e giurie di festival cinematografici.

ARTICOLI SIMILI

CINEMA UCRAINO

Cinema Ucrainospot_img

INDIE-EYE SU YOUTUBE

Indie-eye Su Youtubespot_img

FESTIVAL

ECONTENT AWARD 2015

spot_img