venerdì, Maggio 24, 2024

Ugo Carpi

Ugo Carpi ascolta e scrive per passione. Predilige il rock selvaggio, rumoroso, fatto con il sangue e con il cuore.

C’esco e i Musicanti di Brahma – Mutazione (Profondità in Superficie): la recensione

Combat folk, musica di strada, il mondo dei buskers e un afflato umanista. Tutto questo nella musica di C'esco e i Musicanti di Brahma

Billions of Comrades – Rondate: la recensione

Dal Belgio, Billions of Comrades tornano con un secondo album pubblicato da Black Basset Records e prodotto dalle mani esperte di Gilles Mortiaux. Tra post-hardcore e punk selvaggio, questo è il mondo di "Rondate"

Traindodge – Time Will Never Know Your Name: post-anthem rock

Potentissimi Traindodge da Oklahoma City

Nadine Khouri – The Salted Air: tra oriente e occidente

The Salted Air di Nadine Khouri, uno dei migliori debutti dell'anno

Alberto N. A. Turra – Filmworks: una splendida raccolta di musica per immagini, senza immagini

Filmworks, tutta la musica per cinema e teatro di Alberto N. A. Turra

Espada – love storm: Americana e roots rock da Foligno

Di stanza a Foligno gli Espada sono un formidabile quintetto tra alt country, desert rock e roots rock. In una frase, Americana di qualità

The Molochs – America’s Velvet Glory: tra i Velvet e The Modern Lovers

Byrds, i primi Stones, i Velvet, Jonathan Richman. Questi The Molochs, prendere o lasciare. La recensione del nuovo album pubblicato da Innovative Leisure lo scorso 13 gennaio

J&L Defer – No map: noise o pop? nessuna direzione

Gli svizzeri Anita Rufer e Gabriele De Mario presenano "no map" dietro il moniker di J&L Defer

Ugo Carpi

Ugo Carpi ascolta e scrive per passione. Predilige il rock selvaggio, rumoroso, fatto con il sangue e con il cuore.