Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Dal Post Hardcore Fugaziano di Regulator Watts e The Crownhate Ruins indietro fino agli anni settanta dei Blue Oyster Cult: Potentissimi Traindodge da Oklahoma City 

Di

The Most Secret Method, Regulator Watts, The Crownhate Ruins. Tutto il post hardcore più colto e per forza di cose Fugaziano, viene interamente recuperato da questa band proveniente da Oklahoma City, ma con un’impostazione maggiormente legata agli anni settanta, incluse alcune derive prog e l’utilizzo di tastiere completamente integrate nell’impasto sonoro complessivo.

Il risultato è bizzarro ed esaltante ed è facile comprendere i più di 600 show live alle spalle e la buona reputazione ottenuta in Giappone, terra delle contaminazioni ardite senza limiti di gusto, genere e territorialità espressiva.

Time Will Never Know Your Name è uno stranissimo oggetto che a dispetto di quello che accadeva nei novanta (tendenze stoner, l’amore per i Sabbath) sembra preferire il groove tagliente dei Blue Oyster Cult da Secret Treaties in poi, riletti attraverso la lente hardcore e con la struttura melodica al centro.

Brani eccellenti come Empty Nights, I Am Forever, I Hear Birds sono un esempio chiarissimo del loro approccio. Meno presente (ma è decisamente un bene) tutta l’evoluzione del genere dalla seconda metà degli anni novanta in poi, ovvero le ruminazioni tortuose e labirintiche di Don Caballero e Storm And Stress, modelli ormai praticati da tutti negli ultimi vent’anni, sopratutto in Italia, il paese affetto dalla sindrome di Bobby Solo.

Time Will Never Know Your Name è un album più (hard)rock e immediato, con una manciata di anthem che vorremmo assolutamente vedere eseguiti dal vivo. Potentissimi Traindodge

Traindodge
Time Will Never Know Your Name

autoprodotto, 2017 | post hardcore, hardrock, prog
CREDITS:

Stories Of The Alone | Empty Nights | Remember To Forget | When The Floods Freeze | Windows And Hallways | The Cliffs | I Am Forever | Mistaken For Lights | Let Me In | I Hear Birds | Low Cliffs (Slight Return) | Time Will Never Know Your Name