domenica, Marzo 7, 2021

Paul Weller – On Sunset è il videoclip diretto da Martin Kovalenko

Girato a Los Angeles prima del lockdown il video di On Sunset è già un preludio alle città desertificate dall’isolamento. Una Los Angeles spettralmente illuminata dalla luce del tramonto fa da sfondo al viaggio di Paul Weller a bordo di una cabrio, mentre le liriche ci raccontano un mondo che non è più, in linea con le intenzioni del musicista nel reinventare l’anima più soul della sua stessa musica, proprio nel momento in cui torna alla sua vecchia label, la Polydor.

Martin Kovalenko, giovane regista, art director per Maison IRFE, ha contribuito allo sviluppo di alcuni fashion movie potenti e di rottura, basta pensare alla collaborazione di François nars con il fotografo Steven Klein da lui supportata, suggestiva e in egual misura suggestionata dall’immaginario di registi come David Lynch e Guy Maddin.

Per Weller Kovalenko realizza un video straordinario, facendo leva sulla sua formazione, ma allo stesso tempo spogliando l’estetica fashion da quell’aura asettica che circonda un po’ tutte le produzioni vicine al mondo della moda. Luoghi della memoria, quartieri svuotati, strade deserte, boulevards investiti dal crepuscolo e una gioventù senza dimensione sociale che passa attraverso le stazioni del tempo, bucando la Storia.

Sono numerosi gli elementi in campo, a partire da quelli personali, come la presenza di Max Beesley, attore e musicista britannico che nei novanta ha collaborato anche con Weller, il cameo dei due figli Mac e Natt, i luoghi frequentati con i Jam quarant’anni fa, dal Sunset Strip fino ai piccoli locali come il Whisky A Go Go e il Rainbow. Da quelle parti vive il figlio maggiore di Weller e la visita di un anno fa ha rappresentato per il musicista inglese un viaggio nei ricordi, ma anche un propellente per il futuro, aspetto che non ha mai abbandonato la voglia di vivere del musicista inglese.

All’angolo della strada dove Natt fuma una sigaretta, a fianco del programma del Whiskey A Go Go che indica i resident dj, compare il manifesto di John Weller ai tempi della boxe, il padre e per lungo tempo manager di Paul. Weller attende il semaforo verde sulla Pontiac Firebird.

Un avvitamento generazionale che connette passato e futuro attraverso il percorso del giovane skater fino all’incredibile controcampo tra il crepuscolo e la notte.
Immagini e musica parlano anche di noi, del nostro presente, di un’altra vita che compare in sovrimpressione. Eppure colpiscono le vibrazioni positive, questo continuo invito al viaggio, fino alla rilettura del mondo di Christina, la ragazza seduta sull’erba dipinta da Andrew Wyeth, ostinatamente legata al suo tempo, alla tradizione e alle proprie radici. Qui non guarda verso una fattoria né si proietta verso l’immagine dell’America. C’è una luna che la sovrasta, ancora tutta da conquistare. 

On Sunset, l’album di Paul Weller, si ascolta da questa parte

Paul Weller – On Sunset – Dir: Martin Kovalenko

Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Contenders: Easterhouse e Derek Jarman

Nel 1986 Derek Jarman dirige due video per promuovere "Contenders", lo splendido debutto sulla lunga distanza degli Easterhouse, uno degli album più intensi e allo stesso tempo isolati del post-punk britannico. "Whistling in the Dark" e "1969", girati in Super 8 come altre clip dell'artista inglese, vomitano colori e impressioni di un nuovo ordine poetico nel corpo della città contemporanea, resistendo al percorso elettronico dell'immagine televisiva.

Cineclip: Tell Me di Terry Kath (Electra Glide In Blue, James William Guercio 1973)

Nei mesi dell'ubbidienza senza domande, la sequenza conclusiva di "Electra Glide In Blue" ci parla da un altro spaziotempo. Un videoclip possibile con la voce di Terry Kath e le liriche di James William Guercio: Tell Me, cosa ci è rimasto? Cineclip #1

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015