lunedì, Settembre 28, 2020

Jan Roth: tra luce e oscurità

Jan Roth è un tessitore di poesie. Lavora alla sua tela stando seduto davanti a un pianoforte; ogni suono da lui prodotto è un filo della trama. Il giovane musicista tedesco, già batterista nella formazione live allargata degli Hundreds, affiora con un album solista dall’intreccio prezioso e delicato, L.O.W. e rivela tutta la sua straordinaria sensibilità.
Roth si muove a cavallo fra un astrattismo visionario e allucinato e una tangibile materialità di contenuti, fra spinta utopistica verso l’Ideale e rigida concretezza compositiva. Il risultato di questa duplice natura è un lavoro trasognato, che gioca sui forti contrasti: luce/buio, giorno/notte, realtà/sogno. L’andamento di tutto il disco si basa proprio su queste progressive alterazioni emozionali: le prime tracce, luminose ed arieggiate, si abissano gradualmente verso una leggera malinconia, fino a collassare negli ultimi momenti in una pigra e attonita tristezza. Ciò nonostante, l’atmosfera è  permeata da un costante senso di lasciva cedevolezza ed è sempre percepibile uno spiraglio di speranza che filtra, iridescente, anche nei passaggi finali, quelli più bui e complessi.
Roth si concede comunque numerosi momenti di evasione, abbandonandosi a dissonanze improvvise, come nel nevrotico e spigoloso attacco elettro-percussionistico in Rastlos, pezzo già di per sé affetto da un autismo dondolante; cambi di ritmi repentini e, più in generale, slanci verso l’irrazionalità melodica come nell’ovattata Einundzwanzig, brano bipolare, dove la natura nitida e pulita del piano si scontra e confonde con quella fosca e inquieta del tappeto elettronico sul quale la melodia si snoda, rimanendo entrambe sospese in un’amalgama goffa e sfrontata.
Nel complesso L.O.W. è una dimostrazione di impeccabile virtuosismo strumentale: un disco perfettamente suonato e altrettanto perfettamente stravolto nei propri punti cardine; un percorso paranoicamente circolare, dove ogni suono implica ed è implicato da quello che lo affianca, senza via d’uscita. Ma proprio questo movimento claustrofobico appare come una sorta di redenzione dal quotidiano rapporto di causa-effetto: una bellezza imponente e fine a se stessa, soffocante nella propria inesprimibilità, divorante. Roth si mette al piano e compone melodie solide e coerenti, ovvero i muri portanti della struttura musicale; dopo di che gioca a bombardare la sua stessa “casa” con elementi stranieri – rullate, suoni elettronici, rumori indefiniti, bpm a caso – creando forme meticce tanto instabili quanto inspiegabilmente affascinanti.
Il risultato è una miscellanea di suggestioni lontanissime l’una dall’altra, più o meno percepibili, che si fondono creando una maschera a tratti spaventosa, a tratti familiare e sorridente: la malinconica delicatezza di Nils Frahm o Peter Broderick, la narcotica oniricità dei Mùm, il mondo allucinato e inaccessibile di David Lynch, e a sprazzi qualcosa di Apparat ed Explosions In The Sky; risulta difficile definire confini netti e precisi.
Ogni traccia possiede una personalità piena e complessa: l’iniziale Glühwürmchen è una promessa soffice e limpida, sussurrata dagli accordi del pianoforte e cadenzata da rullate distanti e fiabesche; la mediana Siebzehn è un pezzo agrodolce, in cui i suoni di piano e tastiere si alternano in un botta e risposta incalzante, fino ad estinguersi in una mescolanza confusa di battiti elettronici; Regen, ultimo brano del disco, è un lento mesto ed elegiaco che conclude il vagabondaggio musicale in un’impalpabile malinconia, un’inquietudine tanto struggente quanto lievemente lattiginosa.
Immaginatela accanto alle immagini ipnotiche di Anémic Cinéma di Duchamp o di Le Retour à la Raison di Man Ray, oppure come accompagnamento per una lettura di André Breton; la musica di Roth  si districa convulsamente fra reale ed onirico, a volte strozzata, altre volte rovesciandosi fuori con violenza. Incespica fra rovi d’ombre e sprazzi di luce accecanti, in una sorta di viaggio metafisico. Un disco pudico, dignitoso, puro, ma anche torbido e tormentato.

Bianca Greco
Bianca Greco
Appassionata di musica, cinema ed arte. Strimpella qualche strumento, scribacchia frasi, scatta foto e pensa troppo.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Harry Nilsson: Tutto è a forma di freccia

Ero sotto acidi e guardando gli alberi realizzai che erano tutti diventati a forma di freccia, inclusi i rami, le case erano a forma di freccia. Pensai: "tutto ha una punta come le frecce, e se anche non fosse, c'è una freccia che lo indica!" (Harry Nilsson)

Felini con il groove: Gatti e zampate creative nei videoclip

Gatti ovunque. Gatti condivisi e gatti virali. Siamo andati a scovarli nei videoclip, tra meme insopportabili ma anche nelle meravigliose zampate creative di alcune pubblicità che hanno un legame specifico con il mondo della musica. Ecco i video più belli, deliranti, ma anche inutili che ospitano Felini con il sacro fuoco del groove

Giuseppe Capuana, il sangue di giuda: l’album e il video

Il sangue di giuda è il primo estratto che da il titolo al nuovo album di Giuseppe Capuana

Kim Gordon – Air BnB – Il video ufficiale: immagini senza video.

Uno schermo nero, le liriche e le parole che suscitano immagini nella cornice del video. Kim Gordon come Bertrand Bonello, Marguerite Duras, Derek Jarman, João César Monteiro

We Are From L.A. e il videoclip di 24 ore per Pharrell Williams: Happy

Uno degli sforzi creativi migliori dell'anno è il video di 24 ore girato dai francesi "We are from l.a." per Pharrell Williams

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015