giovedì, Ottobre 1, 2020

Clues – L’intervista

Brendan Reedè stato il batterista degli Arcade Fire all’epoca del primo ep. Alden Penner è stato mente e cuore di uno dei progetti più entusiasmanti usciti da Montreal negli ultimi anni: The Unicorns. Il rammarico e il rimpianto per lo split del gruppo, e la sensazione che lo scioglimento fosse arrivato poco prima della loro esplosione, hanno fatto in modo che l’attenzione fosse catapultata sui nuovi progetti dei loro principali compositori. Da una parte gli Human Highway di Nicholas ‘Nick Diamonds’ Thorburn (recensiti da questa parte su Indie-eye), dall’altra i Clues di Alden ‘Ginger’ Penner. Abbiamo incontrato Brendan Reed a Montreal, e abbiamo approfittato della sua gentilezza e ospitalità per sapere qualcosa di più di questo nuovo progetto. A cominciare dalle origini, e da un passato scintillante e un po’ ingombrante.

Il tuo nome e quello di Alden viene inevitabilmente associato alle vostre precedenti esperienza musicali… è qualcosa che ti disturba nel momento in cui esci con un nuovo progetto?

Non è che mi disturbi, anche se in una certa misura credo che condizioni inevitabilmente la tua libertà di esprimerti. Sicuramente può diventare frustrante se, come mi è capitato, qualcuno viene a vederti suonare solo perché sei un ex-Arcade Fire e vieni continuamente messo in relazione con quel progetto anche se stai proponendo qualcosa di radicalmente diverso. Insomma, ogni musicista ha un passato ma credo che questo non dovrebbe andare a discapito del presente. Per contro, mi rendo conto che d’altra parte il fatto di aver suonato in gruppi famosi ci consente di avere una maggiore attenzione da parte dei media e del pubblico… anche questo va riconosciuto… non è poi così male! In ogni caso penso, e spero, che quando il disco sarà uscito si parlerà più dei Clues che non degli Unicorns o degli Arcade Fire.

Tu e Alden siete il nucleo originale dei Clues… quando avete deciso di fare musica assieme esattamente?

È strano, avevamo progetti musicali diversi e io suonavo in gruppi con un suono molto diverso da quello di Den (Alden, ndr). Poi ci è capitato di fare qualche piccolo tour insieme, ci siamo trovati bene e abbiamo deciso di incidere un 7″ con canzoni nostre, un lato a testa. Credo non avesse neanche nome, semplicemente: Alden Penner e Brendan Reed. In realtà non l’abbiamo neanche pubblicato, ne abbiamo stampate cento copie perché un nostro amico aveva la macchina… credo che tutto sia cominciato così. Tra l’altro le mie canzoni non erano neanche granché… era giusto per divertirsi. Tutto ciò è successo poco prima che gli Unicorns si sciogliessero (nel 2004, ndr).

Quand’è che il vostro progetto ha cominciato a diventare qualcosa di più definito rispetto a una collaborazione tra amici?

Credo che la svolta sia avvenuta nel 2007. In precedenza avevamo già suonato un po’ in giro ma così, senza un nome. Poi ci sono stati i primi live con il nome Clues a Montreal, dove inizialmente eravamo un trio. Erano spettacoli un po’ strani, non eccezionali per la verità. È lì che ci siamo resi conto che dovevamo allargare la formazione ad altri musicisti. Non è stato difficile, semplicemente ci siamo guardati intorno e abbiamo coinvolto delle persone che frequentavano la nostra sala prove o lo studio dove registriamo.

Adesso, con la formazione a cinque, pensate di aver raggiunto un assetto stabile?

In realtà ci piacerebbe sperimentare ulteriormente e aprire ad ulteriori collaborazioni. Mi piace pensare ai Clues come a un progetto aperto, con musicisti che vanno e vengono. Per esempio, sul disco ci sono diversi ospiti con cui vorrei continuare a suonare anche se non sarà facile… In ogni caso non voglio pensare ai Clues come a una band cristallizzata come una sorta di Beatles con John, George, Paul e… come si chiamava il quarto?

Ringo?

Grazie (ride, ndr).

Gigi Mutarelli
Gigi Mutarelli
Contatta la redazione di indie-eye scrivendo a:info@indie-eye.it // per l'invio di comunicati stampa devi scrivere a cs@indie-eye.it // per l'invio di materiale promozionale puoi spedire a: INDIE-EYE | VIA DELLA QUERCIOLA N. 10 | 50141 | FIRENZE //

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Grace Mitchell – il videoclip di NoLo

"Raceday" è il nuovo EP di Grace Mitchell. Ecco il video di NoLo

Dentro la bocca di Bjork: Mouth Mantra, il video di Jesse Kanda

Nuovo incredibile video per Bjork. Mouth Mantra è un viaggio dentro la bocca dell'artista islandese diretto dal geniale Jesse Kanda

The Hour – Wasted: Una Gran Bretagna senza diritti nel video di Ben Strebel

Una community macherata nel video di Ben Strebel realizzato per The Hour. L'anonimato ci salverà dall'iper controllo della rete: Il video di "Wasted"

Reflektor, tutto sul nuovo video interattivo degli Arcade Fire

Guarda il nuovo video interattivo degli Arcade Fire

IACAMPO – Ogni giorno ad ogni ora, lo splendido videoclip di Lorenzo Pezzano e Alice Lorenzon

Bellissimo video per IACAMPO diretto da Lorenzo Pezzano insieme ad Alice Lorenzon, talentuoso direttore della fotografia e regista di documentari il primo, regista e montatrice la seconda. Ogni giorno ad ogni ora è un'intensa elegia sul passaggio del tempo. Da non perdere

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015