domenica, Settembre 20, 2020

Ty Segall – Twins (Drag City, 2012)

Musicalmente più prolifico di un coniglio, Ty Segall chiude il 2012 con ben tre uscite: dopo lo split con White Fence e l’album a nome Ty Segall Band (tutti recensiti puntualmente su Indie-Eye), Twins è il suo quarto disco da solista. Diciamo che, rispetto alla sarabanda heavy psych fuzz del precedente Slaughterhouse ed ai toni più sommessi e lievemente folk dell’ultima prova da solista (Good Morning Bread) il nuovo lavoro del giovane californiano intende riallacciare i legami col passato più recente, ovvero con quel Melted (il secondo album, giusto per fare un po’ di chiarezza nel mare sterminato delle sue uscite) che lo aveva visto distaccarsi un pochino dalla scena ultra underground di San Francisco. La chitarra fuzzosa – quasi sempre grassa e distorta – e la caratteristica cadenza segalliana sono sempre ben presenti, ormai diventate un vero e proprio trademark in ambito garage contemporaneo, così come l’amore per i Sixties e per le sfuriate punk. La compulsione di Ty nel comporre musica non provoca abbassamenti qualitativi né tentativi di infilare degli stanchi riempitivi: Twins è, ancora una volta, un buon disco: che si lasci pervadere dalle già citate tentazioni Sixties (l’iniziale Thank God For Sinners sono i Beatles senza farsi la doccia per una settimana) o che parti per la tangente in feroci rivisitazioni del punk che fu (You’re The Doctor, The Hill) queste sono canzoni che sanno dove andare a colpire. Tutto viene frullato dal piccolo genietto della West Coast, perfino lo stoner alla Nebula/Fu Manchu di Ghost, o la psichedelia strafatta di Would You Be My Love, la ballata elettrica e narcolettica di Inside Your Hearth. C’è il folk acustico di Gold On The Shore e perfino una certa atmosfera generale che profuma di melodie e sapori British. La matrice è il garage punk/psych della cui pasta sono fatti anche i fratelli Thee Oh Sees, all’interno della quale ogni sottogenere del rock viene sezionato, rielaborato e sputato fuori col timbro Segall ben stampato sulla fronte; il ragazzo ha stile, non c’è dubbio.

Denis Prinzio
Denis Prinzio
Denis Prinzio è bassista di numerose band underground ora in congedo temporaneo, scribacchino di cose musicali per sincera passione, la sua missione è scoprire artisti che lo facciano star bene.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Julietta – Beach Break (Sofi Tukker remix): il video diretto da Gabriel Crawford Connelly

Carol Malak, performer e ballerina, assalita dai panni di una lavanderia automatica newyorchese, nel video di "Beach Break" che replica in immagini l'estetica del remix deep house realizzato da Sofi Tukker

La Band del Brasiliano, il nuovo album e il video de La Donna dei Miei Guai

Esce per la storica Cinedelic il nuovo album de "La Band del Brasiliano", brani inediti, alcune reinterpretazioni e un videoclip...

Nevrorea – Karmaboy – il sorprendente video d’animazione di Giorgio Di Pasquale

Tra racconto e astrazione, mutazione della forma e graphic novel, Giorgio Di Pasquale è un giovane animatore di talento di cui, ci auguriamo, sentiremo parlare a lungo. Karmaboy è il suo nuovo videoclip realizzato per la band fiorentina dei Nevrorea. La recensione in cover story su indie-eye videoclip

Hundreds, Wait For My Racoon, il video in anteprima italiana su Indie-eye.it

In anteprima italiana su indie-eye.it il nuovo video degli Hundreds, Wait for My Racoon

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015