sabato, Agosto 15, 2020

La Chambre bleue di Mathieu Amalric nella sezione Un Certain Regard

Mathieu Amalric è ovviamente un abitueè del festival di Cannes, come attore ma anche come regista; nel 2010 ha presentato in concorso Tourneè, e quest’anno è di nuovo al festival ma nella sezione “Un Certain Regard” con il film intitolato “La Chambre bleue” (The Blue Room). Il film nasce grazie alla collaborazione tra l’attore-regista francese e il grande produttore Paulo Branco, con cui Amalric lavora come assistente da circa vent’anni; è lo stesso Branco ad avergli proposto di girare una “cosa” in sole tre settimane e l’ispirazione nasce da un romanzo di Georges Simenon, adattato con una sceneggiatura co-firmata da Amalric e da Stéphanie Cléau; si parla di un uomo e di una donna, amanti segreti nell’oscurità di una stanza dove succede di tutto. Il film è prodotto da Paulo Branco per la sua Alfama Films

 

 

Redazione IE Cinema
Redazione IE Cinema
Per contattare la redazione di Indie-eye scrivi a info@indie-eye.it Oppure vieni a trovarci attraverso questi profili: Indie-eye Pagina Fan su FB | REC su Facebook | Straneillusioni su Facebook | Indie-eye su Twitter | Indie-eye su Youtube | Indie-eye su Vimeo

articoli simili

INDIE-EYE SU YOUTUBE

top news

Twin Peaks le tre stagioni complete in 16 Blu Ray: il video unboxing del cofanetto Universal

Twin Peaks, la serie televisiva completa. 3 stagioni per 16 Blu Ray. Il cofanetto Universal visto per voi con un unboxing video

Hedy Lamarr – La donna più straordinaria del mondo di William Roy e Sylvain Dorange: la recensione del volume BD

Hedy Lamarr, una donna in fuga dalla rappresentazione imposta del desiderio. Per i francesi William Roy e Sylvain Dorange, l'attrice di origini austriache che trovò il successo ad Hollywood combatte con-tro la propria immagine alla ricerca di un'identità forte e negata. La recensione del bel volume a fumetti pubblicato da Edizioni BD

Control di Anton Corbijn: recensione

Grazie a Movies inspired Control, il film di Anton Corbijn dedicato a Ian Curtis, torna nelle sale e nelle arene estive. La recensione