Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Indie Pop carico e "bombastico" per il terzo disco di Dent May; purtroppo la perfezione formale del tutto non si accompagna ad una sufficiente qualità dei brani in scaletta 

Di

Il giovane cantautore americano abbandona definitivamente l’ukulele, strumento che aveva caratterizzato stilisticamente il suo esordio da solista The Good Feeling Music Of Dent May & His Magnificent Ukulele, e si dà anima e corpo all’indie pop infoiato con l’FM. Questo potrebbe essere il sunto più efficace a descrivere Warm Blanket, nuova uscita sulla stilosissima label Paw Tracks (qualcuno ha detto Animal Collective?).

Quindi: il nostro Dent modifica le proprie coordinate sonore, abbracciando un’idea di pop molto più “bombastica” e fantasmagorica, molto pompata e – nelle intenzioni – catchy. Tanto Brian Wilson del monumento alla perfezione Pet Sounds, tanta retromania di stampo Seventies (in Born Too Late, primo singolo, ci senti la disco music virata funk de “La Febbre Del Sabato Sera” e di quel gruppo di fratelli lì), qualche ritornello azzeccato e poco altro. Eh già, perché Warm Blanket nelle intenzioni vuole essere accattivante, solare e pieno di melodie da cantare sotto la doccia, ma in realtà rimane un progetto sostanzialmente compiuto a metà.

Manca, e purtroppo nel genere è un elemento fondamentale, il refrain che ti fa saltare dalla sedia, l’invenzione elementare che fa dire a tutti gli altri “caspita, questa avrei potuto scriverla anche io, come ho fatto a non pensarci prima?” Materia estremamente infida, il pop. Non basta una produzione eccellente, non bastano i suoni giusti ed una perfezione formale nel confezionare il tutto; contano soprattutto le buone canzoni, e Warm Blanket purtroppo ne è sprovvisto, anche quando tenta la carta del plagio più spudorato (It Takes A Long Time sembra una outtake del già citato Pet Sounds). Si salvano solo il falsetto su base acustica di Endlessly, il dance pop di Let Them Talk e il country da spiaggia di Summer Is Over. Un po’ poco per aspirare al ruolo di nuovo astro nascente dell’indie pop a stelle e strisce.

Dent May
Warm Blanket

Paw Tracks, 2013 | indie pop

www.dentmay.com

TRACKLIST:

Turn up the speakers | let them talk | born too late | yazoo | corner piece | do i cross your mind? | it takes a long time | i'm ready to be old | endlessly | found a friend | summer is over |

 

Denis Prinzio

Denis Prinzio

Denis Prinzio è bassista di numerose band underground ora in congedo temporaneo, scribacchino di cose musicali per sincera passione, la sua missione è scoprire artisti che lo facciano star bene.