venerdì, Ottobre 30, 2020

Colombre – Terrore – Il videoclip d’animazione diretto da Daniele Zen: l’intervista

Colombre, moniker per Giovanni Imparato, è uno degli autori pop più sensibili del panorama italiano. Nelle sue ballad dal sapore tropicale, scorre una vena elettrica che ha più di un punto di contatto con il miglior artigianato musicale britannico, riletto secondo coordinate del tutto personali. Chi ha amato Aztec Camera, certe inflessioni afro-beat della new wave, ma anche i Talking Heads meno concentrati sulle nevrosi quotidiane, entrerà facilmente in contatto con il mondo agrodolce di Colombre, capace di pugnalarti in pieno sole.

Per il singolo di “Terrore”, tratto dall’ultimo lavoro sulla lunga distanza intitolato “Corallo” e pubblicato da Bomba Dischi, Giovanni si è servito del talento e della passione di un giovane animatore appena ventunenne.

Daniele Zen, studente alla scuola di cinema Luchino Visconti di Milano, ha realizzato la clip immaginandosi uno skatepark frequentato da un gruppo di insetti; protagonista, un bruco che ha paura di scendere la rampa.

Daniele ha una videografia già avviata, sopratutto per quanto riguarda la produzione di cortometraggi e aveva già realizzato due videoclip che in qualche modo anticipavano l’estetica di “Terrore”, sicuramente il suo migliore. Concorrono a creare il mood di questa piccola gemma animata, la passione per i mondi bizzarri di cartoon network, quella per i videoclip e per la cultura analogica filtrata dai mondi bizzarri animati da Jack Stauber, oltre ovviamente allo skate e a tutta la cultura artistica “street”. 

Colombre Su Facebook

Ascolta Corallo di Colombre

Colombre – Terrore – Il videoclip ufficiale diretto da Daniele Zen

Daniele Zen, l’intervista sul Making of di “Terrore”

Ciao Daniele, benvenuto su Indie-eye Videoclip. Ci racconti la tua formazione e come sei arrivato alla produzione di video musicali?

Grazie per l’opportunità e un saluto a tutti i lettori di indie-eye videoclip. Il vero inizio per me è stato da bambino con la videocamera VHS dei miei genitori. Filmavo di tutto, dal mio cane Patrocchio ai miei amici allo skatepark. La passione mi ha accompagnato fino all’iscrizione alla scuola di Cinema Luchino Visconti a Milano, dove ho frequentato l’indirizzo di Regia. Non ho quindi una formazione scolastica strettamente da animatore, ma è un interesse che ho coltivato negli anni, dai primi esperimenti di stop motion con quella videocamera VHS. La passione per i videoclip invece nasce…in bagno. Ho l’abitudine di guardarne tantissimi per passare il tempo!

Nei tuoi videoclip precedenti, “Resta in Fiesta” e “Trionfo Tronfio”, la relazione tra la realtà e il mondo invisibile è al centro. Anche per il video di “Terrore” torni ad affrontare un mondo infinitesimamente piccolo. Ti piacciono gli insetti e le fiabe?

Tutti e tre i videoclip mostrano un mondo invisibile, perché piccolo (quello degli insetti) o parallelo alla realtà quotidiana (quello delle meraviglie). È come quando alzi un sasso in giardino e sotto trovi un sacco vita che non ti aspettavi: mi piace pensare che i miei video possano avere lo scopo di mostrare quella vita.

Raccontaci la genesi del video partendo dal modo in cui l’hai discusso con Giovanni Imparato

Il videoclip ha seguito un percorso insolito. In origine avrebbe dovuto essere un cortometraggio da realizzare durante la quarantena. L’animazione mi ha impiegato ore e ore, dandomi il tempo di ascoltare tantissima musica tra cui “Corallo” di Colombre. Stavo disegnando la scena della paura del bruco sulla rampa quando è partita in riproduzione “Terrore”. Mi sono detto: sarebbe un videoclip perfetto. Così ho scritto a Giovanni su Instagram e dal nostro incontro fortunato è nato questo progetto.

Hai utilizzato tecniche diverse: disegno, pittura, animazione digitale e alcuni inserti che simulano la qualità di un nastro analogico VHS, oltre a frammenti fotorealistici. Puoi raccontarci, anche in termini pratici, come hai combinato questi diversi approcci?

La parte “narrativa”, pittorica, è in animazione tradizionale: per ogni inquadratura ci sono tre disegni digitali messi in loop, per ottenere l’effetto tremolante. Si chiama Squiggly Line, è la tecnica di Ed Edd ed Eddy, mi piace perché fa prendere vita ai personaggi. La parte dei trick ha una patina VHS perché vuole essere la ripresa fatta dalla Mosca con la videocamera. La tecnica è principalmente compositing con immagini fotografiche. Il riferimento più diretto è Jack Stauber. Volevo anche aggiungere che il personaggio della cavalletta è un video che ho girato con l’insetto imbalsamato su uno skate in miniatura…

Nei colori e nel tratto che scegli sembra ci sia un riferimento molto forte alla street art e ai colori della cultura urbana, è così?

Faccio skate da 10 anni, penso che quel mondo abbia influenzato molto il mio lavoro, specialmente la parte più grunge/psichedelica. È uno sport che si porta dietro un immaginario ben definito. Le dinamiche del video sono quelle dello skatepark, che ho ripreso dalla mia esperienza. Mi hanno ispirato molto il video Stay Gold di Emerica e i disegni della Toy Machine.

Con quali applicazioni hai lavorato per realizzare il video?

Ho realizzato le grafiche con due programmi non proprio ortodossi per l’animazione: i disegni su Adobe Photoshop, l’animazione su Adobe Premiere.

Progetti per il futoro?

Innanzitutto laurearmi e continuare su questa strada. Il mio progetto a lungo termine è un lungometraggio, per il quale ho già la sceneggiatura pronta. Penso che l’esempio di Lettieri, passato dal videoclip alla regia cinematografica, sia di ispirazione per molti giovani di questo settore.

Michele Faggi
Michele Faggi
Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.

ARTICOLI SIMILI

INDIE-EYE SHOWREEL

i più visti

VIDEOCLIP

Il Mei e i videoclip ai tempi del #coronavirus – l’italia rossa dei videoclip fatti in casa

Il Mei seleziona quattro videoclip al giorno del panorama indipendente italiano, un'iniziativa che consiglia, puntata dopo puntata, una playlist possibile tra video e artisti emergenti. Nel primo numero Maria Mazzotta, Eleonora Bordonaro, Buva, Grace N Kaos e le regie di Balto, Stefano Buda, Roberto Biadi e Andrea Artosi di studioartax

Lost Boy – Ruth B. in assenza di gravità nel video di Emil Nava

Emil Nava dirige Ruth B. in assenza di gravità

Smokepurpp, il videoclip di ‘Repeat’ diretto da Dir. Lx

Il mago degli effetti digitali Dir. Lx torna a collaborare con Smokepurpp e con l'art director Phoebe Darling

Fanny: quando Jean Millington flirtava con David Bowie, the Butter Boy

La storia d'amore tra Jean Millington e David Bowie

Black Atlass – Jewels: il video di Yoann Lemoine

Nuovo video di Yoann Lemoine realizzato per Black Atlass: Jewels

INDIE-EYE SU YOUTUBE

TOP NEWS

IRuna – Fuori Tempo, il videoclip di Maurizio Montesi

Fuori Tempo, la contagiosa danza di IRuna per le strade di Roma nel bel video di Maurizio Montesi.

The Fall – Imperial Wax Solvent – il doppio vinile limitato esce ad ottobre

Imperial Wax Solvent è lo splendido album dei The Fall pubblicato nel 2008. Cherry Red lo ripubblica in doppio vinile, includendo la versione scartata dal mix conclusivo. Imperdibile

Iggy And The Stooges – “You think you’re bad, Man?” – Cinque live inediti. Il box da collezione

"You think you're bad, Man?" è il nuovo box da collezione con 5 cd che include cinque live inediti di Iggy and The Stooges del periodo "Raw Power"

Dj Gengis, Un’altra Brasca: il videoclip d’animazione di Racoon Studio

Racoon Studio realizza il nuovo video d'animazione per Dj Gengis

Bon Iver – AUATC, il videoclip di Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson

Aaron Anderson & Eric Timothy Carlson, premiatissimi art director per Bon Iver, realizzano il nuovo video per AUATC a fini benefici.

ECONTENT AWARD 2015