giovedì, Aprile 18, 2024

Yes Daddy Yes – Senza Religione (Urtovox, 2012)

Full lenght d’esordio per i Campani Yes Daddy Yes, che pubblicano per l’etichetta toscana Urtovox, Senza Religione. Un disco intenso, immediato, dai colori aspri di un rock che si tinge degli aspetti più frivoli del power pop e che ci catapulta nelle radure underground italiane dei primi anni novanta. Le sonorità del quintetto italiano sono energiche e spontanee, ne trapela un’urgenza espressiva che trova manforte in un apparato testuale ben formulato e mai scontato. La scaletta, tredici brani in tutto, si contraddistingue per l’istintività, il minutaggio delle incisioni e la durata del disco, non supera i trentaquattro minuti di registrazione, amplificando la natura schietta di questa giovane formazione, capace di elargire, in un’unica produzione, una moltitudine sonora che non ha nulla dell’esordio. L’opener Padrone Mio detta gli schemi di una natura compositiva incline alla sperimentazione, fluenti fraseggi di synth lustrano la facciata più introspettiva e acidula delle derivazioni sixties degli Yes Daddy Yes. Una dimestichezza che trova riscontro negli angoli più beat di questa release come in Seppellirci il mio Osso, ChirurgoPeyote. Degna di nota la canzone con la quale si chiudono le danze, Il Testimone, una ballad scarna, dolcemente interpretata e  pregna di spunti emozionali. L’atmosfera complessiva che si respira è una dolce mescolanza di registri sonori, una buona capacità di amalgamare dimensioni diverse senza perdere di sostanza. Balzano all’orecchio nostalgici echi nostrani come ad esempio le assonanze con le realtà dei primi anni Novanta, Rats su tutte, con cenni melodici dei più recenti Marlene Kuntz. Questo disco, affidato all’ottima produzione di Enzo Moretto (A Toys Orchestra), è una fresca boccata d’aria per chi è alla ricerca di nuovi stimoli nella musica underground Italiana. Davvero impensabile pretendere di più da un esordio.

[box title=”Yes Daddy Yes – Senza Religione” color=”#D46D00″]
Yes daddy yes su myspace

Tracklist:
01. Padrone mio
02. Seppellisci il mio osso
03. Senza religione
04. Faremo fuoco intorno
05. Peyote
06. In esilio
07. A caccia di iene
08. Chirurgo
09. Cultural crash
10. Yselac
11. Farsi il karate
12. My memory
13. Il testimone [/box]

Paolo Pavone
Paolo Pavone
Paolo Pavone Vive, nasce, e cresce fra le risaie del nord italia, salvo una lunga parentesi nel regno unito. Torna per occuparsi, di giorno dell' arte e del design e di notte di musica e scrittura.

ARTICOLI SIMILI

GLOAM SESSION

spot_img

CINEMA UCRAINO

spot_img

INDIE-EYE SHOWREEL

spot_img

i più visti

VIDEOCLIP

INDIE-EYE SU YOUTUBE

spot_img

TOP NEWS

ECONTENT AWARD 2015

spot_img