Indie-eye – VIDEOCLIP – Storia e Critica dei Video Musicali

Marissa Nadler dirige il video di " All the colors of the dark" per anticipare l'uscita di Strangers, il suo nuovo album previsto per il prossimo 20 maggio. Il video è uno stop motion molto tattile e vitalmente approssimativo. Jan Svankmajer, i fratelli Quay, Francesca Woodman, Maya Deren sono i riferimenti principali, ma anche Sergio Martino: vi raccontiamo "Tutti i colori del buio" 

Di

[ Indie-eye REC, il portale musica di indie-eye network attivo dal 2005 sta per diventare Indie-eye DOC, il primo portale interamente dedicato ai videoclip ad affacciarsi in Italia, stay tuned e leggi le imminenti novità da questa parte]

Chissà se qualcuno se n’è accorto che l’ultimo singolo di Marissa Nadler veicolato da un videoclip realizzato dalla stessa, ha lo stesso titolo di un thriller diretto nel 1972 da Sergio Martino. Come in “Tutti i colori del buio” il contatto tra realtà e dimensione onirica è una delle intenzioni dichiarate dalla stessa Nadler: “Il mio amore per le immagini in movimento – ha detto la musicista di Washington – si sposa perfettamente con il ritmo del brano

Tra Martino e la Nadler il punto di mezzo è sicuramente la scrittura di Edgar Allan Poe, fondamentale per entrambi, per Marissa esplicitamente omaggiato nelle liriche di “Annabelle lee” e implicitamente presente in molti suoi lavori, per il regista italiano fonte di ispirazione che veniva resa manifesta durante il lancio del film con una frase adattata dagli scritti dello scrittore americano: “nel buio la mia mente si colora di angoscia, di libidine, di paura

Nello stop-motion molto tattile e vitalmente approssimativo della clip, c’è chi avventatamente ha rilevato connessioni con il cinema di Luis Buñuel, una possibilità molto lontana e che casomai arriva da altre fantasmagorie dell’immagine, le stesse che la Nadler ha rivelato riferendosi chiaramente a Jan Svankmajer, ai Quay Brothers e alle fotografie di Francesca Woodman e aggiungiamo da parte nostra, al cinema di Maya Deren, proprio per la forma fisica e allo stesso tempo evanescente che da una prospettiva interiore si riverbera nello spazio chiuso di una casa e sugli oggetti che la occupano. In tutti questi artisti, Nadler inclusa ovviamente, l’influenza del Surrealismo come presenza di terzo, quarto, quinto grado è sicuramente riconoscibile, ma nei termini in cui ne parla lo stesso Svankmajer: “Il Surrealismo non è interessato a creare alcun tipo di estetica. Preleva elementi da artisti differenti, ma non esiste […] André Breton non avrebbe detto Pittura Surrealista, ma avrebbe detto Il Surrealismo nella pittura“.

Nel video della Nadler gli oggetti del quotidiano si animano di vita propria, segnano il passare del tempo e attivano una visione metamorfica sulla stessa esistenza, dove Marissa è un’apparizione transitoria tra le altre, quasi sempre sovrimpressa, quasi sempre inquadrata dietro ad una tenda oppure al livello di un riflesso. Ciò che rende il video tangibile è la manualità della tecnica impiegata, uno stop-motion volutamente primitivo e impreciso come si diceva, con gli oggetti di materia plastica che subiscono la mutazione più evidente, tra natura e artificio creativo.

 

Michele Faggi

Michele Faggi

Michele Faggi è un videomaker e un Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana. Si occupa da anni di formazione e content management. È un esperto di storia del videoclip ed è un critico cinematografico regolarmente iscritto al SNCCI. Scrive anche di musica e colonne sonore. Ha pubblicato volumi su cinema e new media.